27 September 2016

Ebbene si, nello stesso giorno del compleanno di Patrizia abbiamo desiderato far combaciare anche l'anniversario del nostro matrimonio.
il 27 September 2016 20.06

26 September 2016

Disclaimer: This is a guest post by Junaid Ali Qureshi.
Junaid Ali Qureshi
Junaid Ali Qureshi is a digital marketing specialist who has helped several businesses gain traffic, outperform competition and generate profitable leads. His current ventures include Elephantation, eLabelz, Smart Leads.ae, Progos Tech and eCig.


Many webmasters these days opt for mobile-first and responsive websites, but there is also a more proficient and professional option – creating a native mobile app.

Building a mobile app from a WordPress website is a complicated process, which cannot be accomplished automatically, rather requires plugin that serves this purpose.

The most reasonable and cost effective solution used by a renowned branding agency, Dubai based is WordApp. WordApp is a free plugin for WordPress. It doesn’t require any programming whiz-kid. This easy-to-follow and simple building process operates entirely on the WordPress website. You can easily convert your WordPress into a mobile app and can easily publish your app on all three platforms: HTML5 & Windows, iOS, and Android.

Following are some of the features of WordApp:

  • Real-Time updates
  • Full video training
  • Push notifications
  • Beacon integration
  • Works with most WP plugins
  • Native Features – such as: QR code, social share, etc.

WordApp is easy to use and it takes a little than one hour to have an app up and running. With the help of WordApp, you can create your own mobile application for iOS and Android platform. Follow these simple steps to get the job done:

1. Install the plugin

WordApp can be installed just as any other WordPress plugin. Go to the Plugins > Add New section of your WordPress dashboard, and then search for WordApp plugin. Install and activate it.

Install WordApp plugin

Image source: www.youtube.com

A new menu item named as WordApp will appear in your dashboard.

Configure WordApp plugin

Image source: www.youtube.com

2. Customize your app

Customize your app by clicking on the App Builder tab under the WordApp menu. App Builder lets you upload logos and icons, choose a theme (customize colors, images, and structure), modify menus, and so on. WordApp’s interface is simple, intuitive and user-friendly, so you won’t have any problems with figuring it out.

Create WordApp app

Image source: www.youtube.com

3. Publish it

Once you are done with customizing your app, hit the blue Publish App button. WordApp plugin requires the following fields to be filled out before publishing the mobile app:

Publish WordApp app

Image source: www.youtube.com

Shortly after you press Publish Android App!, the WordApp support team will contact you and you will receive detailed instructions and a download link on how to publish your app on Google Play and App Store.

Now you can easily create a mobile app from your WordPress website. Although there are tons of ways to build an app, and they may seem intimidating at first glance, but the above method make it incredibly simple. Just make sure you have a good mobile website to start with. Feel free to leave your feedback below.

The post How to Make a Mobile App From a WordPress Site appeared first on deshack.

il 26 September 2016 07.30

23 September 2016

Photo theft has been rampant for as long as the existence of the Internet. Image search engines (Yahoo! Images, Google Images, etc.), social media platforms (Facebook, Instagram, etc.), and photo sharing sites (Flickr) have made the process of stealing images even easier.

While sometimes it can be flattering to see your visual creations appear in other projects, a blatant disregard for your source and rights can leave you frustrated. While you can’t completely put an end to image theft, you can take a number of measures to discourage adversaries from stealing your images blatantly and at least ensure that images carry attribution revealing you as the original owner.

1. Reverse Image Search Can Do Wonders

Photographers, artists, and entrepreneurs can find people using their image by using the option of reverse image search. SocialCatfish.com and other similar websites offer this option, and it’s nothing like the standard Google image search to which many of us are accustomed. Technologies such as facial recognition and image metadata enable these companies to scan millions of profiles from different places and do a comprehensive image roundup. This way, they present you with results that allow you to verify if someone is using your images without paying or attributing you. You can then seek remuneration or pursue the case legally.

2. Use Watermark on Your Images

While your image creations might not look as appealing with a watermark as they would without one, it’s a great way to discourage adversaries from stealing your work and showcasing it as their own. That said, adding a watermark in a tasteful manner will enable you to keep most of the aesthetic appeal of your photo(s). Watermark Chrome extensions, mobile apps,  and plugins for different content management systems will allow you to create a watermark for your images before you publish them on different online platforms. And if there’s Photoshop or a program of same nature on your PC, watermarking the images is going to be a quick process. Overall, watermarks are quite effective because they’re next to impossible to remove. Of course, watermark images, when shared, will benefit you in the form of free exposure.

3. Shrink-Wrap Images

This technique won’t stop the adversary from copying and saving your image. However, the image they save won’t be the one they wanted access to. Shrink wrapping may even make them think they’ve downloaded some sort of a virus, so there’s a chance that they will delete your image instead of posting it online. A transparent image is usually shrink-wrapped over the top of the original image, like a clear glass panel protecting your image from the outside. There are several online tools and YouTube tutorials that explain how to shrink wrap images. The goal is to make the adversary realize that the image they’re using isn’t the one they intended to use, even though the original image is lying hidden within the transparent image outside.

4. Create Image Galleries & Request Registration

Consider creating a gallery consisting of your images and require people to register their profile to view your photos. You can integrate a self-service system and ask people to register with valid names and email addresses. The process is automated, and though you’d have ot sacrifice some control, there won’t be a need to send individual links for images. This doesn’t protect your photos much, considering adversaries can use fake names and email addresses for registration. It does, however, increase their workload, which may result in making the adversary skip the thought of using your photos.

With these tips, you can significantly discourage others from using your images in an unethical manner.

The post 4 Actionable Tips to Protect Your Online Photos appeared first on deshack.

il 23 September 2016 08.18

21 September 2016

Ciao a tutti ragazzi, oggi siamo qui con una recensione di un prodotto della categoria Router. Grazie ad Asus infatti, abbiamo tra le mani un Router Gigabit Tri-Band Wireless RT-AC5300.

Breve descrizione dell’azienda

ASUS è tra i primi tre vendor a livello mondiale di PC portatili consumer e leader nella produzione delle schede madri più vendute e premiate al mondo. Dal 1989, ASUS ha infatti venduto oltre 500 milioni di schede. Sinonimo di qualità in tutto il mondo, ASUS offre soluzioni in grado di soddisfare le più diverse esigenze, dal segmento office a quello dei personal device e della digital home, con un portafoglio prodotti estremamente ampio, che include anche tablet, smartphone, schede grafiche, drive ottici, PC desktop, server, soluzioni wireless e di networking. Nel corso del 2014 ASUS ha ottenuto 4326 riconoscimenti da parte della stampa di tutto il mondo, affermandosi sulla scena globale per la creazione di nuove categorie di prodotto che hanno rivoluzionato il mercato IT, come l’Eee PC™ e le serie Transformer. Nel 2014 ASUS ha infatti guadagnato il primo posto per numero di dispositivi 2-in-1 spediti e, con 11,5 milioni di prodotti venduti, il terzo nelle vendite di tablet. Nell’ultimo biennio diverse ricerche indipendenti hanno qualificato ASUS come n.°1 per affidabilità nella classifica dei produttori di PC portatili, a testimonianza dell’impegno verso l’eccellenza tecnologica e la qualità costruttiva dei propri prodotti e nei confronti dell’ambiente con una speciale attenzione verso tutti gli standard e le iniziative ecofriendly . Con oltre 16.000 dipendenti, un reparto di R&D all’avanguardia che vanta 5.200 ingegneri, ASUS ha chiuso il 2014 con un fatturato di circa 14,5 miliardi di USD.

Cos’è l’ASUS RT-AC5300?

L’Asus RT-AC5300 è il cavallo da battaglia dei vari router prodotti e costa all’incirca sui 450 euro. Avete ragione, il prezzo è altino ma posso assicurarvi che Asus ha adottato uno standard qualitativo elevato tanto da farvi pensare di aver speso molto bene una parte dei vostri risparmi.

Il prezzo oltre che giustificare la qualità costruttiva, porta con se le ultime tecnologie Wi-Fi come ad esempio il protocollo NitroQAM per una connessione incredibilmente veloce grazie anche alla nuova tecnologia MU-MIMO e due bande da 5GHZ che garantiscono una performance assoluta. Non ci dimentichiamo che dispone di ben OTTO antenne che ci permettono anche di giocare tra la rete 2.4GHZ e 5GHZ.
Parlando sempre di prestazioni, abbiamo un’opzione che ci permette di aggregare i link sfruttando le porte Ethernet e di raggiungere un trasferimento fino a 2Gbps.

Design e Caratteristiche

Le prime impressioni di questo router RT-AC5300, in realtà, vengono per il suo box che lo presenta con tutta la potenza che ti aspetteresti dato il suo prezzo. Rimuovendo ogni livello di protezione ed esponendo le varie parti del router, si può notare come Asus sia stata precisa nella progettazione e realizzazione di ogni singolo componente. Stesso discorso vale per la posizione delle otto antenne che sono perfettamente allineate.
Assemblando il tutto si può notare di avere un mostro di router tra le mani!!
Parlando di misure, senza le antenne misura 245mm245mm65mm. Con le antenne invece si arriva a superare i 30cm per lato e i 17cm di altezza.
Combinando le misure, il tutto pesa oltre 1.7kg che lo rende di fatto un router davvero muscoloso rispetto alla concorrenza.

Come ci si aspetterebbe, il peso si riflette in una qualità costruttiva davvero solida. La cosa la si può notare anche ribaltando il router e farlo sostenere dalle antenne: non fa una piega. La situazione divertente che a mio parere Asus ha voluto creare, essendo comunque un router destinato all’ambito Gaming, posizionato come nella foto precedente, assomiglia ad un’astronave mentre ribaltandolo assomiglia ad un ragno meccanico che può metaforicamente significare l’aggressività e la potenza interna.

Una particolarità che mi ha lasciato po’ deluso è la presenza di solamente 4 porte Ethernet Gigabit su questo dispositivo. Per un dispositivo grande e costoso, mi sarei aspettato qualche porta in più così come è stato fatto per l’Asus Dual-Band RT-AC88U in cui ce ne sono ben otto.
Stesso sentimento si ha notando la presenza di una sola porta USB 3.0 e di un’altra USB 2.0. Mi sarei aspettato di meglio.

Una cosa che ho apprezzato molto è il miglioramento della posizione delle due USB rispetto al modello RT-AC3200.
Una porta USB 3.0 è situata nella parte posteriore che permette una installazione pulita e ordinata se viene collegato un hard disk permanentemente per condividere i tuoi dati. L’altra porta invece si trova sul lato sinistro del dispositivo dove troviamo dei bottoni per la WPS, per accendere o spegnere lo status dei LED e per lo stato della Wi-Fi.

Nella parte frontale invece troviamo dei LED che indicano l’operatività dei vari servizi.. A mio avviso sono un po’ piccoli.
Una notevole mancanza, considerando il prezzo, è l’assenza dei LED per le porte Ethernet. Non che debba assomigliare ad una astronave ma sarebbe risultata comoda per alcuni.

Parlando di hardware Wi-Fi, riusciamo ad avere tre bande separate: una da 2.4GHz per l’hardware non troppo recente e due da 5GHz per i nuovi dispositivi. La presenza di queste ultime due ci permettono di avere molti dispositivi connessi in simultanea ed è stato fatto per suddividere in maniera ottimale il carico.

Cos’altro dire… Questo router supporta anche l’ultima tecnologia MU-MIMO per la migliore gestione di banda simultanea per tutti i dispositivi connessi!! Mai più rallentamenti per mancanza di banda finalmente 🙂
In aggiunta abbiamo il NitroQAM, una modulazione 1024-QAM (Quadrature amplitude modulation). Essenzialmente è una estensione della tecnologia 256-QAM che è lo standard in 802.11ac WiFi e che mira ad aumentare il flusso dati sfruttando la stessa frequenza.
Piuttosto tutto ciò può suonare come un chissà quale incremento… Purtroppo l’incremento è solo del 25% ma tuttavia le grandi prestazioni raggiunte saranno sicuramente più alte rispetto alla concorrenza.

Concludo che tutto ciò viene alimentato da un doppio chip Broadcomm BCM43465 che gestiscono 4 antenne ciascuno sfruttando la tecnologia 1024-QAM e che permette di avere prestazioni incredibili.. Hai più di 4 dispositivi e non puoi collegarli a cavo? Pazienza, soffrirai il meno possibile almeno grazie alle tre bande disponibili.

Software e funzionalità

Il lato software mi lascia un po’ perplesso.. Non mi piace il linguaggio che hanno usato e soprattutto spero non sia causa principale del tempo di boot abbastanza esagerato considerando il costo.
Comunque sia, la grafica non stona e le funzionalità sono davvero tante.. Ma andiamo a vedere assieme!

Mappa di rete
Il primo menù a cui si accede aprendo il router è la mappa di rete. In questa sezione ci vengono mostrati tutti i client connessi ad internet attraverso il router. Oltre a ciò, abbiamo informazioni relativi allo status della connessione e di tutto il resto come WiFi attive, il loro nome, la loro password e quali dispositivi sono connessi alle due porte USB.
Una piccola feature simpatica è il poter disconnettere un client direttamente dal pannello.

Rete ospiti
Anche il router RT-AC5300 supporta la creazione di una rete per gli ospiti presenti nella vostra casa o ufficio (a seconda di dove posizionerete il dispositivo). La rete per gli ospiti potrà essere posizionata su una delle due frequenze disponibili (2GHz o 5GHz) e potrete fare tante altre cose come dare o no l’accesso alla rete interna (quindi potranno vedere tutto ciò che è connesso), abilitare il filtro tramite Mac-Address e magari impostare un timeout di disponibilità (dopodiché la rete si disabiliterà in automatico).
Parlando di quantità, potrete creare fino a nove reti differenti (3 per frequenza) garantendo stabilità e prestazioni incredibili grazie alle tecnologie messe a disposizione.

AiProtection
ASUS non ha pensato solo alle prestazioni ma soprattutto alla sicurezza, importantissimo per i videogiocatori che vogliono disattivare l’antivirus sul proprio computer per aumentare le prestazioni ma vogliono essere ugualmente protetti. Stesso discorso vale anche per tutti coloro che vogliono avere una rete interna sicura.
In questa sezione, il dispositivo si preoccupa di effettuare una scansione interna per cercare eventuali problemi di sicurezza oppure eventuali impostazioni che possono mettere a rischio tutti i dispositivi connessi.
Grazie al database di Trend Micro, l’AiProtection riesce a limitare l’accesso ai siti web particolarmente pericolosi. Inoltre, è anche in grado di rilevare exploit comuni che possano presentarsi nel firmware o nella configurazione del router riuscendo a prevenire intrusi non graditi.
Per ultimo, ma non il meno importante, riesce a rilevare e bloccare automaticamente tutte le periferiche infette e quindi impedisce che le informazioni personali vengano comunicati esternamente e che il virus possa propagarsi nella rete locale.

QoS Adattivo
Avete dei dispositivi che devono avere la priorità rispetto agli altri connessi alla rete? Ecco la sezione che stavate cercando!
Stupendo il design dove in tempo reale potete vedere tutte le informazioni del flusso dati in entrata e in uscita, anche per ogni dispositivo.
In questa sezione potete abilitare o disattivare il QoS Adattivo. In caso di attivazione potete scegliere vari profili che regolano la priorità e tra questi troviamo: Gaming, Video e Audio Streaming, VoIP e Instant Messaging, Web Surfing, Trasferimento di file e Altro.
Davvero molto semplice, alla portata anche dei principianti. Per chi invece ha più esperienza può cimentarsi con le impostazioni personalizzate.
Le altre modalità di QoS, sono manuale o un semplice limitatore di banda per dispositivo.

Game Boost
Siete videogiocatori? Allora questa sezione è per voi… Vi vedo già con una espressione super felice! 🙂
Andando con ordine troviamo il WTFast GPN che permette di incrementare le prestazioni internet dei giochi. WTFast permette di ridurre la latenza nei giochi grazie ad un algoritmo che sceglie il minor percorso e il più veloce per arrivare al server di gioco. Purtroppo per usare questa modalità bisogna essere registrati ed è gratuito per solo un dispositivo. Ovviamente questa modalità è compatibile con tutte le piattaforme.
LAN Boost.
In questa sottocategoria troviamo il One Click Game First Mode e attivandola, il dispositivo imposta un profilo QoS su adattivo e cerca di ottimizzare nel miglior modo possibile per garantire la minore latenza e maggiori prestazioni sui giochi. Ovviamente potremmo modificare la lista di applicazioni che dovranno avere più o meno priorità attraverso un clicca-e-trascina.
Protezione della rete in tempo reale.
In questa sezione non viene fatto altro che indirizzare sulla pagina dove possiamo modificare le impostazioni dell’AiProtection.

Analisi del traffico
In questa sezione troverete un riepilogo molto dettagliato di quanto e quando state usando la rete sia in generale e sia riferito per ogni dispositivo attivo nella rete (con tanto di tipo di operazione che sta effettuando).
Forse può sembrare una banalità certo, però è una parte importante perché potete capire chi è il dispositivo o qual è la cosa che intasa la rete in caso di degradazioni di prestazioni della rete.
Per analizzare il traffico potete spaziare tra le varie impostazioni come visualizzazione settimanale, mensile, analisi dei dati in wireless o cablata e così via.
Interessante anche la presenza di analisi di dati di altri giorni, magari può tornare utile a qualcuno.

Applicazioni USB
In questa sezione troviamo una lista di funzionalità aggiuntive che bene o male sono presenti in quasi tutti router moderni.
Una particolarità su cui volevo soffermarmi è che questo router abbraccia in parte anche ciò che viene offerto dai NAS ossia il download master che vi permette di farvi scaricare su un hard disk file da Magnet, FTP, HTTP, Torrent, eMule, etc. mentre avete il PC spento.
Per aggiungere i link dei file da scaricare, possiamo farlo o passando da interfaccia web oppure attraverso un programma messo a disposizione da ASUS.
E’ possibile attivare o disattivare l’AiDisk che permette di condividere il disco USB (quello usato ad esempio per scaricare i file) su internet. Altre cose presenti sono l’attivazione di vari tipi di protocolli come FTP, iTunes, dischi condivisi, condivisione di rete tramite 3G/4G e soprattutto troviamo l’opzione Apple Time Machine.
Curiosa la presenza e la possibilità di poter utilizzare il tethering USB di uno smartphone Android.

AiCloud
In questa sezione potremmo attivare le funzionalità dell’AiCloud come ad esempio Cloud DiskSmart AccessSmart Sync.
Nel caso di Cloud Disk, abilitiamo l’accesso e la condivisione ad un disco USB quindi, il disco USB verrà rilevato da parte di tutti i dispositivi connessi nella stessa rete interna.
Nel caso di Smart Access, si va a creare una sorta di VPN interna dove i vari dispositivi si vedono tra loro e sarà possibile effettuare un accesso remoto verso ogni client connesso. Con questa caratteristica potremmo riattivare un PC in sospensione alla “Wake-On-LAN”.
Nel caso di Smart Sync, abbiamo la sincronizzazione automatica del dispositivo collegavo via USB in cloud sul servizio ASUS Webstorage o con altri servizi compatibili con AiCloud 2.0.

Altre funzionalità per utenti avanzati
Scavando più a fondo sono disponibili delle sezioni che permettono agli utenti più esperti di poter modificare la rete secondo la propria esigenza come ad esempio modificare impostazioni relativi a reti wireless, VPN, reti cablate, IPv6, gestione del firewall e del sistema.

App Smartphone
Una novità che stanno cominciando ad inserire tutti i maggiori brand è l’app per il vostro telefono, che sia Android o iOS.
L’applicazione cattura molto l’attenzione grazie ad una grafica dark ma molto colorata e non offre nulla di particolare, diciamo che ci agevola solamente l’accesso al nostro router.
Difatti, tutto ciò che appare sul telefono, appare anche sull’interfaccia web del nostro router come utilizzo di rete in tempo reale, numero client connessi, reti wifi attive, limitare la banda, gestione delle varie impostazioni, attivazione della modalità eco e tanto altro ancora.

Prestazioni

Quindi, questo router con tutte queste antenne veramente offre prestazioni eccellenti? Per fortuna sì ma con qualche avvertimento.

Cominciando con la prima banda da 5GHz, questo router offre una velocità davvero elevata, cosa che non mi è mai capitato fino ad ora. Il primo test effettuato è un trasferimento da router a PC ad una distanza di un solo metro e la velocità di trasferimento rilevata è stata di 82.7MB al secondo.
Già, pensate che l’unico ad avvicinarsi è il Netgear Nighthawk X4 ma tutti gli altri router non superano i 70MB al secondo.

Effettuo di nuovo il test ma a 5 metri di distanza e in mezzo ci sono due muri che dividono il router dal PC. In questo caso il router ASUS RT-AC5300 tocca i 45MB al secondo rispetto alla concorrenza che si aggira intorno i 30-35MB al secondo.
L’unica alternativa che si avvicina in questo caso è l’ASRock G10 che tocca i 39MB al secondo.

A 10 metri e andando in un piano inferiore, l’Ac5300 continua ad andare sui 33MB al secondo dove un grande router come il Linksys WRT1900ACS tocca i 25.6MB al secondo. Molti invece non raggiungono neanche i 20MB al secondo.

Anche sulla banda 2.4GHz, il router ASUS RT-AC5300 dimostra una velocità eccezionale anche se non riesce a raggiungere sempre il primo posto. L’onore va a Linksys WRT1900ACS dove raggiunge le velocità di 19.2MB/sec, 11.4MB/s e 14.7MB/s confrontate con l’AC5300 che sono rispettivamente 17MB/sec, 9.8MB/sec e 7MB/sec. Comunque sia raggiunge un buon secondo posto.

Per quanto riguarda la velocità di trasferimento per la USB purtroppo ASUS fallisce di nuovo e viene spazzata via dalla competizione..
Usando la USB 3.0, il router riesce solamente a raggiungere 36MB/sec in lettura e 34MB/sec in scrittura.
Ovviamente anche qui un secondo posto in quanto il primo lo occupa il Linksys EA7500 Max Stream con 60MB/sec in lettura e 39MB/sec in scrittura.

Verdetto finale

E’ chiaro che tutti ne parlano bene di questo router nonostante il costo eccessivo ed è anche chiaro che ASUS lo stia spingendo molto affermando che il router RT-AC5300 è il migliore oltre che il più veloce rispetto alla concorrenza.
Ecco, dai miei test posso dire che il router è davvero ottimo nel lato software anche se non capisco come mai impiega davvero tanto nell’avvio: mi sarei aspettato di meglio. Un’altra cosa che non è mi è chiara è proprio di dove sia questa dominazione rispetto agli altri in quanto ci sono molte aree in cui mi sarei aspettato di più in base a quanto stia scaricando ASUS economicamente.

Ad esempio, ci sono soltanto quattro porte Ethernet sul router e costa il doppio rispetto al suo fratellino RT-AC88U che costa di meno, porta con se ugualmente la tecnologia NitroQAM e ha il doppio di porte Ethernet quindi otto.

Piuttosto per alcuni questo router è praticamente perfetto mentre per altri ci sono valide alternative che spesso offrono anche più prestazioni rispetto a quello che cercano e che questo router non riesce ad offrire…. O magari, per quel che costa e per quello che devono realizzare gli conviene più acquistare due router e collegarli tra loro invece che acquistare questa navicella di router 🙂

Per l’uso comune a casa vi dico subito che questo router per voi è eccessivo almeno che siate dei gamers che giocano a livello professionale.
NOTA: Spesso non mi è stato dato ascolto quando davo dei consigli e quando acquistavano questo router mi chiedevano come mai non si connettesse ad internet screditando l’azienda ASUS.
Carissimi, se non sapete la differenza tra Router e Modem, voglio dirvi che non è la stessa cosa e che acquistando solo questo router non riuscirete a navigare perché NON INCLUDE FUNZIONALITÀ DA MODEM.. Certo, per quel che costa mi sarei aspettato ci fosse..
Cosa vuol dire quello che ho evidenziato? Vuol dire che se volete navigare, dovete collegare il router in cascata al modem sfruttando la porta RJ45.

Cosa dire, il router Asus RT-AC5300 è senz’altro il più veloce router che potete acquistare in questo momento ma… Non è doppiamente migliore rispetto alla concorrenza. L’unica cosa doppia è il prezzo ed è una vera e propria delusione.

Per il resto, il design è davvero qualcosa di spettacolare ma, complimentoni lo stesso ASUS! 🙂

Potete acquistare questo router seguendo questo LINK:

Asus RT-AC5300 Tri-band 4×4 Gigabit Wireless Gaming Router con AiProtection Powered by Trend Micro, WTFast Game Accelerator, Asus Router App, Dual-WAN 3G/4G Support

L'articolo ASUS RT-AC5300 Wireless-AC5300 Tri-Band Gigabit Router – Recensione sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 21 September 2016 17.04

20 September 2016

Categoria: 

http://www.ubuntu-it.org/sites/default/files/nl%20collaborativa.png

Oggi le notizie sono velocissime. Partono da qualche sito e arrivano a migliaia di lettori in pochi minuti. Hai mai pensato di essere parte attiva di questo mondo di informazione?

Ogni settimana, con uno stile divertente e leggero, vi proponiamo un nuovo numero della Newsletter italiana con le principali novità riguardanti Ubuntu, la comunità italiana e internazionale, le notizie sul software libero dall'Italia e dal mondo e tante rubriche interessanti.

 

Se scrivere e collaborare con tante persone ti appassiona, puoi partecipare sin da oggi alla redazione di articoli per la newsletter settimanale. La Newsletter diventa infatti collaborativa e aperta a tutti.

Vuoi scrivere un articolo? In rete hai letto una notizia interessante e pensi sia adatta alla newsletter di Ubuntu-it?
Benissimo! Invia un tuo articolo alla redazione della newsletter, che si occuperà della sua edizione e pubblicazione.

Per inviarci gli articoli, puoi utilizzare due piattaforme di ubuntu-it: la mailing list newsletter-ubuntu e la sezione forum Newsletter italiana.
Scegli la piattaforma che preferisci e inizia a scrivere!

Puoi leggere come partecipare in questa pagina.
Una volta inviato l'articolo, il gruppo Social Media si occuperà di revisionarlo e inserirlo nella newsletter in preparazione.

Ti aspettiamo!

il 20 September 2016 10.32
Categoria: 

Newsletter italiana 031.2016

 

È disponibile la newsletter N° 031/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Canonical rilascia Snapcraft 2.17
  • Parrot S.L.A.M.dunk, il nuovo kit di sviluppo per droni con cuore Ubuntu
  • Cloud personale con Ubuntu
  • Statistiche del gruppo sviluppo

 

Leggi la newsletter

il 20 September 2016 09.29

13 September 2016

Categoria: 

Newsletter italiana 2016.030

 

È disponibile la newsletter N° 030/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • In arrivo OTA 13, l'aggiornamento di Ubuntu per smartphone e tablet
  • Full Circle Magazine Issue #112 in inglese
  • UbuCon in Europa, definito il Programma
  • Nuovi sfondi per Ubuntu GNOME 16.10
  • Statistiche del gruppo sviluppo

Leggi la newsletter

il 13 September 2016 17.26

10 September 2016


Ieri su Twitter, intercettavo questo tweet di Flavia Marzano, neo Assessore "Roma Semplice" del Comune di Roma, nonché Professoressa alla Sapienza di Roma, fondatrice degli Stati Generali dell'Innovazione, da sempre sostenitrice del Software Libero:
Per capire la causa del malumore della Prof. Marzano, basta leggere l'articolo linkato, che parla una riunione della Commissione Bilancio del Comune di Roma, a cui Repubblica.it dedica due righe per parlare di... nozze gay!

Anche un articolo apparso su Corriere.it parla della stessa riunione, ma manca la parte di competenza della neo Assessore, che trovo solo qui, e che trascrivo testualmente
Marzano: "Sì all'uso del software libero"
[..] Rientra invece nell'ottica della spending review la proposta di delibera sull'open source per l'utilizzo del software libero. Al posto dei programmi Windows (oltre 14 mila licenze pagate fino al 2018 per una spesa di 10 milioni di euro) Marzano ha in mente di utilizzare Libre Office: "Di queste licenze, ed esagero - le parole dell'assessora alla Semplificazione - per 5 mila è essenziale avere Office, ma per almeno 10 mila no".
Le notizie buone ci sono, ma difficilmente si trovano sui giornali. Comunque, dopo Libre Umbria e Libre Difesa (150.000 PC passati a Libre Office) speriamo di vedere presto Libre Roma! :-)

(foto "Suddenly there were penguins" di Beth Wilson su Flickr)
il 10 September 2016 08.33

07 September 2016


Con una lunga email sulla mailing list di sviluppo, il Vice Presidente di Apache OpenOffice Dennis Hamilton ha aperto nei giorni scorsi una (intensa!) discussione sul futuro della più famosa suite per l'ufficio libera. La questione è se lo sviluppo del progetto sia ancora sostenibile. La cronica mancanza di sviluppatori, impossibilitati anche a chiudere i problemi più seri (come questo, risolto poi con fatica), mette in serio pericolo il destino del software, tanto è vero che da ormai quasi un anno non si vedono nuovi rilasci.

Una lunga storia, tra alti e bassi


La storia di OpenOffice è costellata da mille vicissitudini. La suite nacque nel lontano 1985, con il nome di StarOffice, come alternativa alla più famosa suite per l'ufficio. Fu acquisita poi nel 1999 da Sun Microsystems, che l'anno dopo decise di rendere disponibili i codici sorgenti.

Mentre StarOffice rimase ancora per qualche tempo come progetto proprietario, senza nessun reale sbocco, Sun diede vita a OpenOffice.org (detto anche OOo), che fu a lungo la migliore piattaforma libera per l'ufficio, con decine di milioni di download e installazioni.
La bella storia subisce un brusco scossone nel 2010, quando Oracle acquisisce Sun Microsystems, e con essa anche OpenOffice. Alcuni membri del progetto OOo creano un fork indipendente, a cui viene dato il nome di LibreOffice. Oracle - evidentemente poco interessata allo sviluppo di OpenOffice - la cede nel 2011 alla Apache Foundation.

Da allora, lo sviluppo delle due suite libere è proseguita in maniera indipendente e parallela, ma mentre LibreOffice acquisiva popolarità e attirava sviluppatori, arricchendosi di nuove funzionalità, e venendo adottata da numerose distribuzioni Linux (Ubuntu, per esempio), OpenOffice vivacchiava di ricordi del glorioso passato, rilasciando pochissime nuove versioni.

La fine della storia (?)


Come scrive lo stesso Dennis Hamilton, in questo momento ci sono "una mezza dozzina di sviluppatori che tengono insieme il progetto, e nessuna prospettiva di ulteriori aiuti". Del resto i sintomi di un abbandono c'erano già nell'aria da tempo: nell'ultimo anno, nello stesso tempo nel quale OpenOffice usciva con un nuovo rilascio, LibreOffice rilasciava quattordici aggiornamenti (!). Il più grande rammarico per questo bellissimo progetto è il non avere saputo attirare nuovi contributori, dopo la scissione di LibreOffice.

Ma la situazione è ancora tutta in divenire. La mail di Hamilton ha generato un'accesa discussione sulla mailing list di sviluppo, e sono emerse proposte di fusione con LibreOffice, mentre altri volontari si sono fatti avanti offrendo il loro supporto (dubbio: cosa aspettavano?).

Non ho idea se questo momento per OpenOffice sarà un nuovo punto di partenza, oppure - dopo questa fiammata di interesse - lo sviluppo tornerà a languire. Sono però immensamente grato a chi ha permesso di rompere il monopolio del Grande Monopolista, a chi ha gettato le basi per un altro meraviglioso progetto qual è LibreOffice, a chi ha lavorato nell'ombra per sviluppare, tradurre, documentare e diffondere OpenOffice. A tutti loro, tutti noi sostenitori del Software Libero dobbiamo rendere un gigantesco GRAZIE, perché quello che noi adesso usiamo tutti i giorni e diamo per scontato, pochi anni fa non lo era affatto.
il 07 September 2016 21.15
Categoria: 

Newsletter italiana 029/2016

 

Terminate le vacanze estive, il gruppo Social Media ha ripreso i lavori. È disponibile la newsletter N° 029/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Rilasciati Ubuntu 16.04.1 LTS e Ubuntu 14.04.5 LTS
  • Ubuntu 16.10 Yakkety Yak Beta 1 Rilasciato, disponibile per il download
  • Full Circle Magazine Issue #111 in inglese
  • Avviato il contest per gli sfondi di Ubuntu 16.10 Yakkety Yak
  • Succede su Chiedi
  • Statistiche del gruppo sviluppo

Leggi la newsletter

il 07 September 2016 09.08

04 September 2016

Per gestire semplicemente e al meglio il server da remoto ho installato il pacchetto webmin, che permette la gestione remota facilitata in modalità grafica dell'intero sistema, connettendo poi in sicurezza il server remoto attraverso i più disparati sistemi di connessione remota (VNC, ecc..).
il 04 September 2016 14.47

03 September 2016

The development of Melany WordPress Theme just restarted. It was since November 2014 that I couldn’t work on it, but now it’s time to keep it going. With half a thousand active installs, I cannot let it die.

So, here you are Melany 1.1.2, a very small patch that addresses all the compatibility issues with newer versions of WordPress and adds support for the Title Tag (credit to wraxen).

What’s next?

Although this is a small patch, it represents the start for a new future of the theme. With the help of all of the contributors, I’m going to shape a stronger and more powerful theme. There are a number of bugs that need to be addressed, new WordPress features to support, and improvements to be made. You can see and track open issues on GitHub. If you want to push a specific issue, you can even post a bounty on it. Your support would be greatly appreciated.

As always, new announcements will be published here, so keep an eye on this blog to follow future developments!

The post Melany WordPress Theme 1.1.2 Release Notes appeared first on deshack.

il 03 September 2016 14.31

28 August 2016

Come tradurre un tema (o plugin) WordPress

Paolo Garbin (paolettopn)

Durante le mie piccole pause di lavoro, ieri ho deciso di prendere per mano la traduzione in lingua italiana del tema i-excel, utilizzato in questo blog.
il 28 August 2016 13.20

27 August 2016

WordPress Meetup a Padova

Paolo Garbin (paolettopn)

La neonata community di Padova si incontra la seconda volta, per un aperitivo informale: giovedì 25 agosto alle 19 presso il bar EL PILAR in Piazza dei Signori 8.
il 27 August 2016 23.46

23 August 2016

Categoria: 

Newsletter italiana 028.2016

 

È disponibile la newsletter N° 028/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Installare Ubuntu 16.04 LTS Server su RaspberryPi2!
  • Wiki di Ubuntu-it: guide e novità di Giugno
  • End Summer Camp 2K16
  • Nuovo Dekko per desktop
  • Statistiche del gruppo sviluppo

 

Leggi la newsletter

La newsletter va in vacanza

Dopo 28 numeri dall'inizio di quest'anno la redazione della newsletter va in vacanza estiva. Arrivederci quindi al prossimo numero, che uscirà lunedì 5 Settembre 2016.

il 23 August 2016 15.35
Categoria: 

Newsletter italiana 027.2016

 

È disponibile la newsletter N° 027/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Immagini Certificate di Ubuntu Disponibili per SoftLayer
  • Guida 2016 all'acquisto PC e notebook con Linux preinstallato
  • Aggiornamenti e sviluppi di SupertuxKart
  • Statistiche del gruppo sviluppo

 

Leggi la newsletter

il 23 August 2016 15.22

28 July 2016

Passate più tempo fuori che a casa e siete disperati perché usate molto il vostro telefono e non vi basta mai la batteria?
Oppure giocate molto con applicazioni mobile come Pokémon Go, Ingress e così via?
Bene la soluzione per voi è la Powerbank (italianamente chiamata come batteria portatile).

Grazie ai ragazzi di Aukey, ho avuto modo di provare la super batteria da 20.000mAh assieme al telefono Huawei Nexus 6P.
Ma scopriamolo insieme!!

Breve introduzione: Aukey

AUKEY combina le più recenti tecnologie con oltre un decennio di esperienza di hardware per progettare e costruire, elettronica di consumo affidabili solidi e accessori mobili. I nostri caricatori e le powerbank incorporano AUKEY AiPower Adaptive, tecnologia di ricarica rapida con Qualcomm Quick Charge 3.0 per supportare tutti i dispositivi dotati di USB. Siamo impegnati a creare prodotti solidi supportati da un servizio cordiale e sensibile per deliziare i nostri clienti fedeli in tutto il mondo.

Introduzione confezione

La confezione della powerbank, una volta aperta, si presenta in maniera molto ma molto minimale. Ovviamente minimale non equivale a qualità ridotta perché l’ottimo feeling si ha già dalla solidità del cartoncino della confezione.

Al suo interno troviamo la batteria da 20.000mAh, manuale d’uso in varie lingue, cartoncino (da conservare) per la garanzia in caso di problemi (garanzia valida per 24 mesi) e un cavo di 20cm che in accoppiata ad un trasformatore AC-USB, permette di ricaricare la powerbank.

Ovviamente è bene ricordare che la vera capacità di tutte le batterie (di qualità) di tutte le marche, scostano in realtà di 2000/3000mAh in meno ma questo non vuol dire che ci sono false dichiarazioni.

Caratteristiche tecniche

La powerbank viene presentata con queste caratteristiche:

  • Batteria esterna da 20000mAh che permette di avere molte ma molte cariche. Ad esempio un iPhone 6/6s può essere ricaricato per 7-8 volte, un Galaxy S5, per oltre 6 e così via.
  • Input disponibili per la PB-N36 sono due: la versione micro e quella lightning. Per quest’ultima, c’è la possibilità di portare un solo cavo e ricaricare sia la powerbank quando è attaccata alla presa oppure un dispositivo iOS durante il viaggio.
  • Ricarica rapida. Tutte e due le porte di input sono di 5V e 2A e rispetto alle altre batterie abbiamo una ricarica davvero rapida che spesso supportano solamente 5V e 1A.
  • Ricarica intelligente. Grazie alla tecnologia AIPower di AUKEY, la powerbank è in grado di rilevare in maniera automatica la potenzia necessaria da erogare per il dispositivo in modo da evitare possibili danneggiamenti e quindi anche una ricarica rapida e ottimizzata.
  • Massima protezione. AUKEY garantisce massima sicurezza per la ricarica. Difatti il dispositivo dispone di un circuito che protegge dal sovraccaricamento, dall’eccessiva corrente erogata e dal cortocircuito.
  • Indicatore LED. Con questo indicatore possiamo vedere la quantità della capacità residua.
    Luce rossa < 20%, Luce Verde 20%-60%, Luce Bianca 60%-100%

Conclusioni

Dopo numerosi test effettuati posso dire che la qualità c’è e si vede anche sui materiali usati. Il peso è anche molto irrisorio, circa 400 grammi.

L’unica cosa di cui sono un po’ perplesso è la colorazione del LED che manda in confusione chi lo utilizza, specialmente durante le prime volte. Ad esempio è bene notare che durante la carica il LED lampeggia e quando sarà fisso vuol dire che la carica è completa.
Ovviamente l’input di carica supporta 5V 2A in modo da garantire una maggiore velocità di ricarica della batteria esterna.

La cosa che ho apprezzato molto, tecnicamente parlando, è la presenza dei circuiti interni di protezione per qualsiasi inconvenienza e soprattutto quella che permette di regolare (in maniera davvero automatica) la vera capacità da erogare per il dispositivo: non ha mai sbagliato!
NOTA: per sfruttare davvero la ricarica rapida è richiesto l’utilizzo di cavi CERTIFICATI e non cavetti comprati chissà dove.

Un’altra cosa stupenda, a mio avviso, è la possibilità di usarlo come torcia LED che illumina davvero tanto. Basta tenere premuto il pulsante di accensione e via, tutto s’illumina 🙂
Per spegnerlo basterà tenere premuto di nuovo il bottone.

Per coloro che invece si preoccupano su come si spegne il dispositivo e non trovano alcun riferimento, state tranquilli!
Una volta che la carica viene terminata o staccate il cavo USB dalla powerbank, il dispositivo lo capirà da sola e con un timeout di circa 3/5 secondi, si spegnerà da sola.

Per tutti coloro che invece urlano “eh ma non è vero perché vengono dichiarate X cariche ma ne faccio di meno” vorrei gentilmente smentire le vostre affermazioni:
Le cariche disponibili che vengono effettuate su un determinato telefono sono molto varie perché in primis dovete fare un conto di quanto sia la capienza del vostro telefono in mAh. In secondis invece è dovuta al fatto che la carica dev’essere fatto con il telefono in totale inattività o ancora meglio se spento.
Perché questo? Perché se usate il telefono sono richiesti X mAh per caricare il telefono + X mAh per ovviare a ciò che il telefono sta usando.
Ovviamente con l’uso è richiesta una maggiore potenza di ricarica e se nel caso la vostra batteria è di 3000 mAh e la state usando, per caricare il telefono, consumerete circa 3500/4000mAh (o più) della powerbank… poi ovviamente dovete considerare anche i mAh persi per via del calore.

Acquista questo prodotto!

Acquista AUKEY Batteria Portatile 20000mAh con 2 porte di Output Totale di 3,4A(2,4A al massimo per ogni porta), Due Porte d’Input: Micro USB e Lighting, un Cavo di 20cm Incluso, Supporta Apple: iPhone, iPad e tutti altri dispositivi di Android con Input di 5V (Nero)

L'articolo Aukey Powerbank 20.000mAh – Test [ITA] sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 28 July 2016 13.52

21 July 2016


Aggiornato il 21 Luglio 2016.

Capita sempre più spesso che arrivino alla Officina GNU/Linux di AVi LUG persone in difficoltà nell'installazione di una distribuzione Linux su PC e notebook, specie se in modalità dual boot. Il motivo di tanta pena è che i computer recenti utilizzano un nuovo sistema di boot denonimato UEFI Secure Boot che, accoppiato con il Sistema Operativo Unico, rende a volte molto difficile l'installazione di una qualsiasi distribuzione Linux.

Chi intende utilizzare Linux farebbe quindi bene a valutare la possibilità di acquistare un PC con Linux preinstallato. Fino a una decina di anni fa era un'impresa ai limiti del possibile, adesso la scelta è più ampia.

Una scelta di Libertà


La stragrande maggioranza dei PC e notebook venduti nel Mondo, Italia compresa, hanno il sistema operativo già installato. Commercialmente, è probabilmente la migliore scelta per chi vuole vendere il maggior numero di pezzi possibili a un prezzo competitivo. Questa scelta però danneggia la libertà di scelta del cittadino, che si trova a scegliere una serie infinita di alternative tutte uguali, come avere lo stesso motore su tutte le automobili dalla Panda alla Ferrari. In più il sistema operativo preinstallato mette a rischio rischio la propria sicurezza e la propria privacy (permettete di rimandare la dimostrazione di questa affermazione in altro post).

La migliore alternativa a questa coercizione commerciale è scegliere PC con Linux preinstallato, oppure con installato FreeDOS, questi ultimi denominati anche "senza sistema operativo", su cui poi installare Linux. Queste due possibilità sono ancora poco diffuse - specie in Italia - ma effettivamente disponibili e a portata di mano di chiunque.

Vi propongo quindi una piccola guida non esaustiva, che vuole dare un minimo di orientamento a chi vuole provare la vera libertà digitale.

Acquistare dai produttori - i big


Dei cinque maggiori produttori di PC al mondo, in Italia solo Dell offre sul suo store online una limitata offerta di notebook con Ubuntu Linux, tra cui il "famoso" XPS 13 Developer Edition, una delle scelte preferite degli smanettoni.
Dell ha sempre mantenuto un atteggiamento ambiguo nei confronti di Linux, sembra che da qualche anno stia "tastando il terreno", facendo dei piccoli e incerti passi avanti, da qui la poca scelta di PC con Linux.
Per contro, XPS 13 è un gran bel portatile, con un prezzo alto, fuori dalla portata del portafoglio di molte persone, ma adeguato alle caratteristiche della macchina.

Acquistare dai produttori - gli outsider



Le prospettive si ampliano in maniera significativa se ci si rivolge ai piccoli produttori impegnati da anni nella commercializzazione di prodotti con Linux. Queste aziende sono spesso guidate da giovani che credono davvero nella bontà dell'open source, forse anche più che dall'effettiva redditività del progetto. Proprio per aumentare la redditività, offrono PC e notebook con caratteristiche medio-alte (e prezzi medio-alti), con cui possono contare su un margine maggiore.

Il primo outsider è System76, azienda americana che commercializza PC e notebook con Ubuntu preinstallato da 10 anni o più. Hanno una bella selezione di PC, notebook e server con Ubuntu, con un efficace strumento di configurazione online. Da qualche tempo spediscono anche in Europa, quindi una scelta da considerare.

Un altro produttore americano è Zareason, bella realtà iniziata da giovani entusiasti di Linux, e Ubuntu in particolare. Zareason offre PC, notebook e server motorizzati Linux, con la possibilità di scegliere Ubuntu, Kubuntu, Linux Mint, Fedora, o qualsiasi altra distribuzione Linux dallo strumento di configuazione. Dal sito non è chiaro se spediscono anche in Italia, meglio quindi informarsi direttamente dal produttore.


Purism merita una nota particolare: è startup di San Francisco, che si è finanziata grazie al crowdfunding, con un manifesto aziendale basato sul rispetto per la privacy degli utenti e per la libertà del software. Purism offre notebook e tablet che utilizzano PureOS, una distribuzione Linux. Anche in questo caso i prezzi sono medio-alti, ma i PC sembrano molto ben costruiti.

Altro produttore oltreoceano da segnalare, ThinkPenguin: massima configurabilità, distribuzione da installare a scelta del cliente.

NOTA su acquisti dagli USA: gli acquisti fuori dall'Europa sono soggetti al pagamento dell'IVA e delle tasse doganali, quindi fate bene i vostri conti!



Restando invece Europa - e quindi evitando tasse doganali - da segnalare Schenker, un produttore tedesco, specializzato in gaming PC e notebook, quindi hardware di alto livello. Schenker offre PC senza sistema operativo - oppure si può toglierlo dallo strumento di configurazione online. I PC e notebook sono tutti di livello medio alto, con la possibilità di configurarli fino ai minimi dettagli. In quasi tutte le configurazioni è possibile scegliere anche la tastiera italiana, senza doversi adattare a quella tedesca.

Un altro produttore tedesco è TuxedoComputers, che offre PC con caratteristiche molto interessanti, configurabili online a un prezzo adeguato, e spedizioni in tutta Europa. Purtroppo il sito web è completamente e solo in tedesco, quindi è un po' ostico per noi italiani.

Negozi online


Per chi preferisce la comodità e velocità dei negozi online, Amazon ha una discreta scelta di PC e notebook con Freedos e (qualche volta) Linux. L'offerta è in continuo cambiamento, anche perché spesso sono venduti da rivenditori terzi che usano Amazon come vetrina. Si tratta di modelli di marchi noti come HP, Acer, Asus o Lenovo, proposti senza sistema operativo per abbassarne il prezzo. L'offerta è ampia, i prezzi buoni, ma attenzione alla caratteristiche tecniche di cosa si compra: CPU, memoria RAM, capacità dell'hard disk incidono parecchio sul prezzo e sulla velocità del computer.

Un altro valido negozio online è Monclick. Anche in questo caso si trovano delle buone offerte di PC con Linux o Freedos.

Negozi vicino casa


Una buona alternativa è recarsi nel più vicino negozio Linux Friendly, grazie alla mappa di LinuxSI una iniziativa della Italian Linux Society (gli organizzatori del Linux Day). LinuxSI mantiene un elenco di negozi in cui si possono trovare PC e notebook con Linux preinstallato. Dato che si tratta di un elenco mantenuto da volontari, questo può essere soggetto a variazioni, quindi conviene telefonare al negozio prima di recarsi per vedere l'offerta.

Supermercati e catene commerciali


Semplicemente, il posto peggiore dove cercare un PC o notebook con Linux preinstallato: ad oggi nessun supermercato o catena commerciale in Italia offre questa possibilità. Attendo con trepidazione eventuali smentite.

I lettori mi segnalano


Questo post ha avuto un discreto successo, quindi ho deciso di aggiungere alcune aziende segnalate dai lettori di questo blog. 
Le aziende italiane Raiontech e Santech offrono la possibilità di acquistare notebook configurabili e senza sistema operativo preinstallato.
L'italiana Koala e la tedesca Cirrus (sito in tedesco) hanno in catalogo mini PC con Ubuntu preinstallato.
La spagnola Slimbook (sito solo in spagnolo e inglese) vende ultrabook in alluminio con la possibilità di preinstallare numerose distribuzioni Linux, tra cui Ubuntu, Debian, Fedora, OpenSuse.


Nota: nessuno dei siti elencati in questo post mi ha mai dato soldi o altro in cambio di questo post - voi invece potreste offrirmi un caffé! ;-) Tutti i link sono esenti da ogni programa di affiliazione e simili. Se ci sono informazioni poco chiare, inesatte o obsolete, segnalatele e sarò ben felice di correggerle e aggiornarle.
il 21 July 2016 15.31

17 July 2016


La povertà creativa di alcuni blog italiani è sotto gli occhi di tutti: notizie già apparse sui siti stranieri, tradotte pari pari nella nostra lingua. La situazione poi sta peggiorando. Un esempio?

L'altro mese mi capita di leggere un post su un blog italiano, che ohibò!, è la traduzione letterale di un post inglese. Ma non solo il titolo e le parole, persino le immagini sono copiate. In calce al post italiano, nessun link alla fonte originale (che è il minimo dovuto).

Istintivamente, lascio un commento piuttosto brusco (vedi  primo commento nell'immagine). Il commento è cancellato in quanto "spam". Alla mia richiesta di spiegazioni (secondo commento), mi si fa notare che (terzo commento) i commenti con link vengono bloccati. OK, spiego allora il mio punto di vista (quarto commento).

Dopo un mese, il quarto commento è ancora lì, in attesa che qualche buonanima di amministratore lo approvi, e lo renda così visibile a tutta l'Umanità.
Nutro ovviamente nessuna speranza che questo avvenga.

Al di là del mio misero episodio, vorrei sottolineare la ancor più misera abitudine di copiare gli articoli senza almeno attribuirne la legittima paternità. Si tratta di una violazione del copyright. Questo malcostume (reato?) deriva da una necessità primaria di attirare visitatori solo ed esclusivamente al proprio sito, ed è largamente diffuso.

Questo comportamento è però un'arma a doppio taglio: senza una fonte autorevole, ma anche senza una fonte in genere, qualunque notizia ha la stessa credibilità di quelle di un qualunque giornalaccio scandalistico, cioè nessuna. Certo, si ha un sicuro successo immediato (se così vogliamo chiamare il numero di contatti), specie tra le persone che evitano di approfondire l'argomento e verificare le fonti. Ma quanto costa la credibilità persa?

PS: a chi mi chiede di quale blog parlo, sappia che non lo scrivo e neanche lo "linko" perché voglio evitare di fargli pubblicità gratis.
il 17 July 2016 17.12

08 July 2016



Il progetto UBPorts è una bella iniziativa per portare Ubuntu Phone su dispositivi diversi da quelli ufficiali. Seguevo distrattamente il progetto, che dopo uno sprint iniziale era quasi passato nel dimenticatoio. Un paio di post  recenti hanno mostrato che il progetto è più vivo che mai.

Indipendente

Sono quindi andato a dare un'occhiata da vicino e ho scoperto un paio di fatti. Il primo è che si tratta di un progetto completamente indipendente da Canonical. Il secondo è che il promotore principale dell'iniziativa è Marius Gripsgard un giovanotto norvegese che porta avanti da solo la maggior parte delle attività, cercando di conciliare lavoro e hobby.

Alla data in cui scrivo, secondo il sito del progetto, Ubuntu Phone è portato completamente su One Plus One e Nexus 5, e in lista di attesa ce ne sono molti altri: OnePlus Two, Nexus 6, Fairphone 2, LG Optimus L90.

"Patroni" cercasi

Leggendo i post di Marius, si capisce che il maggior limite al porting è il poco tempo a disposizione! Per dare una mano a questo bravo ragazzo, vi consiglio prendere in considerazione la possibilità di diventare un patrono (sponsor) di UBPorts: bastano 2 euro al mese - solo 24 euro all'anno - per contribuire a fare la differenza.

il 08 July 2016 18.46

05 July 2016

Categoria: 

http://www.ubuntu-it.org/sites/default/files/nl2016.26.PNG

 

È disponibile la newsletter N° 026/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Ubuntu 16.10 Alpha 1 è disponibile per il download
  • Abbandono di Ubuntu a 32bit nei prossimi rilasci
  • Rilasciato nuovo AMDGPU-PRO Driver per Linux
  • Succede su Chiedi
  • Novità di Ubuntu per smartphone e tablet
  • Statistiche del gruppo sviluppo

 

Leggi la newsletter

il 05 July 2016 12.25

04 July 2016

Categoria: 

http://www.ubuntu-it.org/sites/default/files/news_wiki12.png

Foto originale: Tranquil by Pat David

 

Un altro mese è passato, un altro giro di pubblicazioni e aggiornamenti per la documentazione wiki si è concluso. Come da buona abitudine, vi proponiamo gli ultimi aggiornamenti introdotti.

 

Novità del mese di Giugno

  • Creare USB live: scritta una nuova pagina per elencare metodi e software per la creazione di Live USB di Ubuntu e derivate da poter utilizzare su Windows, Mac e le altre distribuzioni Linux.

  • Ripristino dell'Mbr di Windows: come ripristinare il normale avvio di Windows utilizzando Ubuntu.

  • GnuPg: come utilizzare GnuPg, il sistema di crittografia da riga di comando predefinito di Ubuntu.

  • GNOME Do: guida all'applicazione di GNOME che permette di cercare o avviare rapidamente programmi, aprire file, riprodurre musica e video, chattare e altro ancora.

  • Personalizzazione di GNOME: come personalizzare l'ambiente grafico predefinito della derivata Ubuntu GNOME.

  • Caja: personalizzare Caja, il file manager predefinito di Ubuntu MATE.

  • Cambiare tema di KDE: come personalizzare l'ambiente grafico KDE, predefinito della derivata Kubuntu.

  • Tv On Demand: come usufruire dei principali servizi di TV on Demand attualmente presenti in Italia con Ubuntu e derivate.

  • Editor di testo: revisione della pagina dedicata agli editor di testo, ora più facile da consultare.

 

Per maggiori informazioni, potete consultare la pagina Lavoro svolto.
Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti gli utenti del wiki e del forum che hanno partecipato.

 


A cura del Gruppo Doc
Volete contribuire al Wiki? Siete i benvenuti!

il 04 July 2016 19.28

02 July 2016

Resto qui ma mi fermo un pò a pensare

Paolo Garbin (paolettopn)

Come ogni estate desidero fare una pausa di riflessione e restare sconnesso dalla rete globale informatica che mi circonda per un po’ di tempo. Chiamatela età che avanza, disintossicazione informatica, desiderio diLeggi ancora...
il 02 July 2016 13.20

28 June 2016

Categoria: 

È disponibile la newsletter N° 025/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • I pacchetti Snap disponibili per varie distribuzioni Linux
  • Concorso per App convergenti
  • Alla ricerca di storie memorabili e divertenti su Xubuntu!
  • Kubuntu Dojo 2 – Kubuntu Ninjas
  • Full Circle Magazine Issue #110 in inglese
  • LibreItalia finanzia un progetto a sostegno della libertà digitale

  • Novità di Ubuntu per smartphone e tablet

e tante altre novità.
 

Leggi la newsletter

 

il 28 June 2016 09.13

27 June 2016

Categoria: 

Newsletter italiana di Ubuntu-it N° 024.2016

È disponibile la newsletter N° 024/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Ubuntu 16.10 sarà equipaggiato con il kernel Linux 4.8
  • Wiki di Ubuntu-it: guide e novità di Maggio
  • Succede su Chiedi
  • Novità di Ubuntu per smartphone e tablet
  • Statistiche del gruppo sviluppo

Leggi la newsletter

il 27 June 2016 14.23

16 June 2016

Bentornati ragazzi, grazie alla disponibilità di Philips oggi recensione su un prodotto totalmente diverso da quello proposto fino ad ora… Regolabarba Philips 5200/16 della serie 5000.

Chi è Philips?

Royal Philips dei Paesi Bassi è un’azienda tecnologica diversificata, incentrata sul miglioramento della vita delle persone attraverso l’innovazione significativa nelle aree Healthcare, Consumer Lifestyle e Lighting. L’azienda è leader nelle soluzioni per terapie cardiache, intensive e domiciliari, illuminazione a risparmio energetico e nuove applicazioni di illuminazione, rasatura e cura del corpo, e igiene orale.

Specifiche tecniche

  • Range lunghezza di taglio: da 0,4 mm a 10 mm
  • Numero di impostazioni di lunghezza: 17 impostazioni
  • Gruppo lame: Lame in acciaio inossidabile
  • Tempo di funzionamento: 60 minuti
  • Pulizia: Completamente lavabile
  • Precisione (Gradazioni): da 0,2 mm
  • Gruppo lame: Lame in acciaio inossidabile
  • Denti che non graffiano: comfort superiore
  • Ghiera di precisione
  • Display: Spia della batteria
  • Funzionamento: Utilizzo con e senza filo
  • Pettine: Pettine integrato per sollevamento peli
  • Manutenzione: Spazzolina per pulizia
  • Tempo di funzionamento: 60 minuti
  • Carica: 1 ora per una ricarica completa
  • Tensione automatica: 100-240 V
  • Tecnologia No Oil: non è necessario lubrificare il prodotto

Confezione

Una volta aperta la scatola esterna, possiamo subito notare come la confezione si presenta molto essenziale, minimalista ma di ottima fattura. Classico è il design dell’involucro: cartone resistente e blister di plastica che protegge il regolabarba.

Una volta aperto subito ci viene in risalto l’essenziale ossia il caricabatteria da parete, uno spazzolino per pulire la testina dai residui rimasti, il certificato di garanzia, una guida rapida di sole immagini ed un opuscolo dove vengono riportate tutte le informazioni relative alla sicurezza.

Descrizione del dispositivo

Il Philips BT5200/16 della Serie 5000 è un beardtrimmer elettrico di davvero ottima qualità, interamente lavabile e con una singola carica permette di usarlo per 60 minuti. Il tempo di ricarica è di un’ora.
Si presenta con un colore grigio satinato e rifiniture di colore rosso. Molto maneggevole e peso alquanto contenuto: ottimo per il viaggio considerando che pesa meno di 200g.
Per quanto riguarda il materiale troviamo una plastica molto dura e robusta che da la sensazione di resistenza e solidità.
Da notare che i materiali Philips sono privi di PVC e BFR quindi oltre ad essere un materiale altamente riciclabile è anche molto resistente al calore.

Le lame sono in acciaio inossidabile e sono state progettate in modo da poter essere molto più delicate sulla pelle specialmente per quelle molto sensibili. Essendo a doppia affilatura, garantiscono un taglio preciso ed uniforme senza strappare i peli e senza arrecare alcun tipo di irritazione.
Oltre alle lame che garantiscono stabilità e precisione, troviamo l’utilissimo pettine che svolge una funzione ineccepibile come alzare i peli (posizionati in orizzontale o verticale).
17 sono le impostazioni di lunghezza che il regolabarba ci permette di impostare, da 0,4 a 10mm con distanza di 0,2mm.

La particolarità delle lame è che sono dotate della famosa tecnologia Dual Cut. Grazie a ciò, le lame oltre ad essere dotate di una doppia affilatura che ne aumenta l’efficacia in fase di taglio e soprattutto la velocità.

Il regolabarba è in grado di funzionare sia attaccato a cavo che senza. Ovviamente il mio consiglio è quello di ricaricarlo solo quando strettamente necessario altrimenti a lungo andare rischierete di rovinare la batteria e quindi non avrete più l’autonomia di 60 minuti.
Durante la carica si può notare lo stato attuale attraverso un led posizionato davanti.

E per ultimo ma non il meno importante, è la bassissima manutenzione richiesta per il dispositivo Philips.
Tutto questo grazie alla tecnologia proprietaria “No Oil”, le lame non devono essere lubrificate periodicamente e sono auto-affilanti in modo da garantire anche l’ottima prestazione di taglio per molto tempo.
Inutile dire che quel poco che viene richiesto da fare è la pulizia delle testine con la spazzolina in dotazione e l’acqua corrente.
Sì, il dispositivo è completamente impermeabile.

Conclusioni
Ne sono rimasto davvero sbalordito in quanto tutti quelli utilizzati fin ad ora non mi hanno mai garantito un risultato perfetto in una sola passata, lo consiglio davvero molto considerando l’ottimo rapporto qualità/prezzo.
Forse se vogliamo essere proprio pignoli, l’unico contro che si può dire è l’assenza di una base per la ricarica e una custodia su cui riporre il regolabarba per il trasporto.
Ma cosa dire, avere queste cose vuol dire avere proprio un regolabarba perfettissimo.

L’apparecchio è inoltre compatibile con tutti i tipi di voltaggio e può essere utilizzato senza problemi anche all’estero.

Complimenti PHILIPS!

Se vuoi acquistare il Philips BT5200/16 Series 5000 Regolabarba CLICCA QUI

L'articolo Philips Regolabarba 5200/16 Serie 5000 Test sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 16 June 2016 23.04

13 June 2016

Categoria: 

Newsletter N°23 - 2016

È disponibile la newsletter N° 023/2016 della comunità di ubuntu-it.

In questo numero:

  • Integrazione dei pacchetti snap con Unity 7
  • Bellissimi sfondi per Ubuntu Phone (e altri smartphone)
  • Succede su Chiedi
  • Novità di Ubuntu per smartphone e tablet
  • Notizie dalla Documentazione Wiki
  • Il Codice di Condotta di Ubuntu

e altro ancora.

Leggi la newsletter

il 13 June 2016 21.17

08 June 2016

Categoria: 

Documentazione wiki di ubuntu-it

Terminato il grosso lavoro di aggiornamento per il rilascio di Ubuntu 16.04 LTS, il gruppo documentazione si è potuto finalmente rilassare...ma non troppo! Grazie all'aiuto di alcuni membri della comunità, abbiamo pubblicato e aggiornato numerose pagine wiki. 
Ecco le novità più importanti.

 

Novità del mese di Maggio

Per maggiori informazioni, potete consultare la pagina Lavoro svolto.
Un ringraziamento particolare a leuci-giulioOscarTazzastef.contadino e ravenglass per tutto l'aiuto che ci è stato dato.

Grazie Luca!

Un grazie da tutto lo staff a Luca Gambardella (Devnull) che dallo scorso Maggio ha terminato (almeno per il momento) l'attività all'interno del Gruppo Doc, dopo anni di partecipazione. Un grazie per l'impegno che ci ha messo, per la presenza in supporto agli utenti nella sezione forum del gruppo e ovviamente per il numero elevato di guide che ha curato, in particolar modo grazie alle sue competenze in ambito hardware.
A presto Luca :)

 


A cura del Gruppo Doc.
Volete contribuire al Wiki? Siete i benvenuti

il 08 June 2016 07.52

04 June 2016

In questi anni l’unico modo più efficace per cercare di contrastare il cancro è stato reso possibile soltanto attraverso l’analisi di milioni e milioni di cellule che portano a conclusioni definitive per quanto riguarda le mutazioni del DNA nelle cellule tumorali.
Ma perché non provare ad ottimizzare il procedimento? Difatti, grazie a questo pensiero e dopo tantissime ricerche, i ricercatori dell’Università di Texas MD Anderson Cancer Center, hanno scoperto un nuovo metodo molto più efficiente.

Questo metodo si chiama Monovar, un software open source scritto interamente in linguaggio Python che è in grado di riconoscere le mutazioni del DNA che avvengono in una sola cellula tumorale e individua le variazioni più importanti.
Questo nuovo e sofisticato software può aiutare tutti i medici a trovare e adottare un approccio molto più personalizzato per il trattamento del cancro prima di procedere ad altri metodi come la chemioterapia.

A differenza delle attuali tecniche di ultima generazione che si occupano di sequenziare misurando il genoma da milioni di cellule, il metodo Monovar si concentra sull’analisi dei dati che provengono da più singole cellule. Questo permette ai medici di individuare le questioni più importanti che normalmente non vengono individuati a causa del disturbo.
Inoltre, questo metodo sfrutta una tecnologia chiamata SCS che sta per Single Cell Sequencing ossia Sequenziamento per Singola Cellula.
L’uso del SCS si ha anche in altri campi della medicina come microbiologia, neurobiologia e immunologia.

Monovar è in grado di rilevare le varianti del singolo nucleotide (SNVs) che è un genere particolare della variazione del DNA.
Particolare perché le SNVs svolgono un ruolo molto importante nel trattamento del cancro in quanto influenzano nel paziente le modalità di sviluppo della malattia e la risposta al farmaco utilizzato.
In questo modo, aiutando a rilevare le variazioni del singolo nucleotide nel modo più accurato possibile, i trattamenti personalizzati per ogni paziente potrebbero risultare come una scelta migliore rispetto ad altre soluzioni disponibili.

Comunque sia, essendo un programma open source potete osservare il funzionamento e contribuire allo sviluppo seguendo questa pagina: https://bitbucket.org/hamimzafar/monovar dove si descrive il progetto così:
Monovar è un algoritmo di rilevamento e di genotipizzazione delle variazioni del singolo nucleotide (SNV) per dati di sequenziamento monocellulari del DNA. Il software prende in input una lista di file BAM e produce in ouput un file VCF contenente le SNV rilevate.

Algoritmi intelligenti e grandi applicazioni di analisi dati, vengono già utilizzati per l’analisi statistica delle cellule tumorali. Speriamo che l’algoritmo Monovar renda il rilevamento del cancro e il relativo processo di trattamento molto più facile.

E voi, cosa ne pensate di questi progressi grazie anche all’uso di intelligenza artificiale?
Magari arriveremo in una situazione dove ogni malattia verrà analizzata a tempi record permettendo di generare una cura meno invasiva possibile e altamente efficace?
O perché no, magari diventeremo tutti robot 🙂

L'articolo Sconfiggere il cancro con Monovar.py sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 04 June 2016 07.40

28 May 2016

Sylvia Ritter è una illustratrice digitale tedesca, che da qualche tempo ha cominciato a produrre una serie di sfondi per smartphone davvero notevoli, basati sui caratteri dei mitologici animali Ubuntu.

Come sapete, ogni rilascio di Ubuntu ha un suo nickname, un suo soprannome, che segue l'alfabeto inglese, assegnatole da Mark Shuttleworth - fondatore e di Ubuntu - all'inizio del ciclo di sviluppo. Per esempio, l'attuale versione Ubuntu 16.04 è "Xenial Xerus", la prossima Ubuntu 16.10 sarà "Yakkety Yak" (ancora non si sa cosa succederà dopo la "Z"!).

Seguendo rigorosamente l'ordine alfabetico, Sylvia sta rilasciando uno dopo l'altro una serie di sfondi per smartphone davvero notevoli (in questo post ne vedete alcuni esempi). Mi piace lo stile di Sylvia, un misto di psichedelia anni '70, tecno e tribale, con risultati notevoli.

Krita

Sylvia lavora utilizza regolarmente Ubuntu e produce le sue opere con il programma open source Krita, e questa è un'altra nota che depone a suo favore. Devo dire che sono impressionato dalle possibilità offerte da Krita, che negli ultimi tempi ha fatto passi da gigante nello sviluppo. Se volete dare una mano allo sviluppo di Krita, potete partecipare fino all'8 giugno alla campagna di crowdfunding in corso.


La galleria completa dei lavori di Sylvia Ritter si trova sulla sua galleria su Deviantart, dove potete trovare anche altre sue opere.

Sylvia lavora con il marito anche nella loro software house Duangle, con cui stanno sviluppando il gioco NOWHERE, speriamo di vederne presto l'uscita!

Alcune delle opere di Sylvia (calendari e stampe) sono in vendita sul suo sito web, magari dateci un'occhiata perché potreste trovare qualcosa di interessante.


il 28 May 2016 08.59

25 May 2016

There was a time when mobile applications were geared towards entertainment to help pass the time. Mobile apps have come a long way over the past few years with apps that can change your life for the better. Apps can help improve your health, some can help you manage your money, and there are some that can help you manage your business more efficiently. Mobile apps are much more than just silly games, so take a look at some things apps can help you with in your life.

Business

If you run your own business, you know things can be overwhelming sometimes. There are many great mobile apps designed to make running your business easier. Some business related apps can assist with:

  • Offering easy-to-use design options
  • Collecting activity reports
  • Scheduling email campaigns
  • Storing and sharing presentations
  • Scanning and uploading business card details
  • Assigning assignments to staff
  • Time tracking for employees
  • Invoicing

If you need a well-designed mobile app for your business, choose a company such as Y media Labs that will deliver a quality product.

Sleep Trackers

If you’ve ever wondered how well you really sleep at night, there’s an app for that. With a sleep tracker app, you’ll be able to get a better idea about your sleeping habits, how well you sleep, alertness levels, and monitoring the impact of sleep loss. Some sleep trackers have features such as motion-tracking, smart alarm, and a sound recorder that detects snoring and sleep talking. A lot of sleep tracker apps connect to your activity tracker and will also count your steps and show you how active you are during the day.

Money Management

Some people would like to be more organized with their money, but sometimes that’s easier said then done. Money management apps assist with keeping a balanced budget and staying on top of your finances. If you’re looking for the most organization, choose one that will sync all of your accounts including your 401k, bank account, mutual funds, and IRA. With these apps, you can get account totals, budget your money, transactions, and expenses.

Fitness

Most people want to become more active to live a healthy life and there are numerous apps to assist with helping you get back on track. Fitness apps are great for people that need a little extra encouragement to walk extra steps or find easy-to-do workouts they can do at home. Certain apps allow you to log everything you eat during the day and calculate the amount of calories you’ve consumed. Other apps have very short workouts you can do each day that will easily fit into your schedule. Pair your favorite fitness apps with your activity tracker for a more detailed report of your overall fitness.

Navigation

Navigation apps are great because you won’t be required to have a separate GPS system in your car anymore. GPS apps aren’t just good for driving: they also provide great assistance on hikes as well. GPS apps will give you directions, show you maps all over the world, and allow you to customize places you frequent often so you can access them quickly.

Business can ho a long way by staying on top of modern technology and popular apps. You can also organize your life with popular apps and determine the best ways to get healthier. Apps are more than just games these days, so browse your app store and find the best ones that fit into your lifestyle.

The post Mobile Apps: Not Just for Games Anymore appeared first on deshack.

il 25 May 2016 08.17

24 May 2016

With each moment that passes the technology industry becomes bigger and more integral to the fabric of daily life; there’s not a sector that hasn’t benefitted from it. Most people rely on technology every time they require entertainment, or to answer a question. One aspect of the tech industry that many could do without, though, is its apparent gender bias, and while there are more women undertaking roles than in previous years, there is still a long way to go before quotas are fulfilled, and women feel as though they’re truly a part of the tech sector.

The issue of diversity in the tech industry

There’s little getting around it; the tech industry is still frequently considered a male dominated sector, perhaps not helped by the fact that less women today then 20 years ago are choosing to join the profession, and some 56% are choosing to leave the profession within ten years.
While it’s certainly true that there are still a great many women choosing, and gaining, high-powered positions ranking above their male counterparts, many consider their appointment to be too little, too late. So, what is it that’s putting women off from applying for positions within the tech industry? There are certainly more than enough women that are qualified to undertake such roles, after all. Perhaps the biggest factor discouraging women from applying for jobs within the technology industry is its male dominated image; gender stereotypes have an incredible power over young girls choosing to study certain subjects, and they’re often put off so-called male courses such as math, science, and engineering. In addition, many women already believe that the industry is a sexist one, with 52% claiming that they’re aware of the gender pay-gap, and 73% discouraged from working in a typically sexist environment. These statistics are staggering, but the stereotype needn’t exist at all.

Regardless of the reasons why women are put off working within the technology industry one thing is for sure; the tech sector is quickly becoming the world’s top industry, with numerous careers branching out from its humble beginnings. Diversity is, and should be, a major concern for the industry moving forward. Is it possible to attract more women to work with technology?

An asset to the industry: Attracting women to the tech sector

While women may not be at the fore of the technology sector there are some incredibly strong and talented females heading the field, and inspiring young women to follow their dreams regardless of the odds seemingly stacked against them. Ginni Rometty, the CEO of IBM, for example, is an incredible role model for young girls hoping to break into formation technology and engineering, while the co-founder and chair of technology giant HTC is a woman, named Cher Wang. The truth is that women bring a whole range of assets to the technology industry, including the assurance of future talent, diversity and empowerment, and skills that may otherwise be overlooked. Technology impacts everybody, so surely it makes sense for women to hold the same power as men within the industry?

Much is being done to change the ways in which the technology sector operates, with improved education and training for employees, championed role models, the public challenging of negative stereotypes, and better mentoring opportunities being offered by a number of companies; this ensures that younger women, and school-aged girls, are encouraged into the industry from their youth, and inspired to do everything they can to achieve success. Indeed, there are a great many organizations currently raising concerns surrounding diversity in the tech industry, including Diversity Inc., which champions the rights of women and minority groups, as wel as celebrating their importance in a variety of sectors. CEO Luke Visconti is often quick to highlight industry failings and successness in his column, ‘Ask the White Guy’, while carefully unpicking arguments against the inclusion of certain groups in the workplace, and championing those inspirational few. Now is also the time to take note of the big companies pledging to make changes, including social media platform Pinterest, which very publically addressed its commitment to minorities, and pledged to increase its numbers of female and underrepresented employees during 2016. Such influence and dedication to change is difficult to ignore, but will it make any difference?

WHile much is being done to address the issue of gender-bias in the technology industry it is clear that there’s still a long way to go; women are still too easily discouraged from choosing ‘male dominated’ subjects that lead into such careers, and are under-supported in the roles they do manage to claim. Thanks to the influence of the women currently succeeding in the field, as well as organizations such as Diversity Inc., though, it is hoped that more women will pick up the mantle and make a name for themselves in the sector; their inclusion is long overdue, and most welcome.

The post Why more women are needed in the tech industry appeared first on deshack.

il 24 May 2016 12.39

17 May 2016


Un amico mi segnala un comportamento poco cordiale di un moderatore del Forum Ufficiale Microsoft, nei confronti di chi gli chiede il perché di una limitazione nell'installazione dell'ultimo sistema operativo sfornato a Redmond.
Qualcuno dovrebbe avvisare questa persona di quanto amore per Linux, adesso.
il 17 May 2016 16.37

12 May 2016

Il vegano dell'Open Source

Dario Cavedon (iced)


Commentando un mio post sulla scellerata scelta della Provincia di Bolzano di preferire un soluzione "closed" a LibreOffice, un mio accanito fan mi ha definito "vegano dell'open source". Temo che con quell'appellativo mi volesse in qualche modo dipingere come un estremista dalla mentalità chiusa, come forse qualcuno vede le persone vegane.

All'inizio la definizione mi ha lasciato interdetto, dato che sono onnivoro. Poi pensando al fatto che un qualunque vegano - in virtù delle sue sole scelte alimentari - ha più rispetto della popolazione media per l'ambiente e per le creature che lo popolano, beh, in verità ne posso solo essere contento.

Chiamatemi pure il "vegano dell'open source", grazie.
il 12 May 2016 17.16

01 May 2016


Ha suscitato un certo rumore dell'inversione di marcia della Provincia di Bolzano, che a due anni dall'annuncio del passaggio alla soluzione libera LibreOffice, ha deciso invece di adottare una soluzione proprietaria basata su cloud.

Il piano del 2013 della Provincia di Bolzano era di migrare 12.000 PC in tre anni su LibreOffice, con un risparmio di 600mila euro.

Giunge adesso la decisione inversa, dettata dalla "necessità di dotare i prori dipendenti di una soluzione cloud". Senza entrare nel dettaglio delle critiche a questa scellerata decisione - per esempio quelle che leggete su Techeconomy - mi soffermo su un'intervista a Stefan Gasslitter, Direttore Generale della SIAG, l'azienda informatica della Provincia. In particolare, rispondendo a una domanda sulla giustezza della risposta:
“Io posso capire che persone investano privatamente tanto tempo sull’open source e sono anche pervasi dall’idea di aver il controllo assoluto di tutto. Però la realtà la che ci troviamo ad affrontare quotidianamente è un’altra. Non ha senso investire in Linux e Libreoffice e poi non trovare a Bolzano le persone per sviluppare. Nei prossimi giorni assumeremo una persona per programmare in Linux, ma siamo dovuti andare a cercarla nel Trentino.”
Parole che detonano il colonialismo digitale subito dall'Italia. Parole che demoliscono le competenze di professionisti che da anni lavorano su Linux e sulle soluzioni Open Source, e delimitano l'orizzonte delle scelte al perimetro della Provincia Autonoma di Bolzano, tagliando fuori il resto d'Italia. E pazienza che poi ci siano giovani italiani che lavorano all'estero, magari per Google o Amazon!

L'orizzonte della Provincia però si allarga agli Stati Uniti quando si tratta di scegliere soluzioni proprietarie.

Open365 la soluzione?

Mentre la Provincia di Bolzano sceglie la soluzione proprietaria, già si affacciano soluzioni libere, come Open365 basato su LibreOffice. Open365 è ancora in fase sperimentale, ma promette bene, e ne sentiremo sicuramente parlare nel prossimo futuro. Magari la Provincia di Bolzano cambia idea. ;-)


(La foto di questo post è tratta dal sito della SIAG)
il 01 May 2016 11.41

25 April 2016

Categoria: 

Il 21 Aprile è stato finalmente rilasciato Ubuntu 16.04 LTS, nome in codice Xenial Xerus!
Per festeggiare il rilascio, come di consueto il gruppo documentazione ha organizzato i lavori di aggiornamento e revisione delle principali pagine del wiki. Oggi ve ne diamo il resoconto.

 

Novità riguardanti Ubuntu Xenial

 

Novità riguardanti il Portale Ambiente Grafico

Come avevamo scritto nell'articolo precedente, stiamo anche procedendo con l'aggiornamento del portale Ambiente Grafico. Ecco un resoconto delle principali novità introdotte dal mese di Marzo fino ad oggi:

 

Altre novità del Wiki

  • Avvio del supporto di installazione: impostare il computer per avviare l'installazione di Ubuntu da CD, DVD e chiavette USB.

  • Burg: guida al boot loader grafico alternativo a GRUB.

  • NodeJs: guida all'installazione e alla configurazione del framework per il motore JavaScript.

  • Ubuntu Studio: guida sulla derivata ufficiale di Ubuntu dedicata ai professionisti e gli appassionati di grafica, fotografia, publishing, audio e video editing.

  • Atom: installazione e configurazione di questo editor di testo con funzionalità avanzate.

  • Telegram: installazione della versione desktop del famoso servizio di messaggistica.

  • Asus EeePc 1025C: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

  • Dell Inspiron 15R-5521: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

  • HP 250 G3: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

  • HP Pavilion DV9585el: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

  • Lenovo B50-80: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

  • Toshiba Satellite C855-1U4: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

  • Sony Vaio VGN-FZ39VN: resoconto dell'installazione di Ubuntu su questo notebook.

Desideriamo infine ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato. Buon Ubuntu 16.04 a tutti!

 


A cura del Gruppo Doc.
Volete contribuire al Wiki? Siete i benvenuti!

il 25 April 2016 17.46

18 April 2016

Durante i due giorni dell'evento resterò a completa disposizione di tutti gli amici e dei Radioamatori che ci faranno visita e desidereranno avvicinarsi al Software Libero e al mondo delle radio SDR. Quest'anno ho approfittato dell’invito giuntomi da alcuni dei nostri Soci OM, anche per portare Linux Ubuntu e il FLOSS all’interno del mondo dei radioamatori, attraverso questa bellissima e importante fiera.
il 18 April 2016 09.03

SDR alla Fiera del radioamatore 2016

Paolo Garbin (paolettopn)

Quest'anno ho deciso di partecipare nuovamente a questa Fiera come Radioamatore, grazie all'interesse di diversi amici Radioamatori e anche per approfondire la mia conoscenza degli apparati SDR forniti delle ditte ELAD e FlexRadio.
il 18 April 2016 08.26

07 April 2016

Categoria: 

Documentazione Wiki 16.04

 

La nuova versione LTS di Ubuntu è ormai prossima al rilascio ufficiale. Per organizzare tutto al meglio, il gruppo doc si prepara ad aggiornare le pagine wiki più importanti e lo fa in un modo semplice e rodato: procede con ordine e in anticipo, facendosi dare una mano :)

Lavoro di gruppo

Per occasioni come questa, si utilizza una pagina specifica per organizzare i lavori di ogni nuovo rilascio.
Ecco a voi la pagina dedicata ad Ubuntu 16.04: GruppoDocumentazione/Xenial

Nella maggior parte dei casi, si tratta semplicemente di aggiungere link e paragrafi riguardanti Ubuntu 16.04 Xenial Xerus ad alcune decine di pagine wiki.
Altre pagine potrebbero richiedere maggiore cura nell'aggiornamento, perciò è necessario muoversi in tempo e ricevere tutto l'aiuto possibile.

Questo è il momento giusto per dare una mano: c'è tempo fino al 21 Aprile ;)
Per maggiori informazioni, leggi la relativa discussione nella board del forum e non esitare a fare domande se per te è la prima volta.

Portale Ambiente Grafico

Come lavoro aggiuntivo, da poco tempo abbiamo iniziato ad organizzare l'aggiornamento di una precisa sezione del wiki: il portale Ambiente Grafico. Questo portale rappresenta una delle sezioni più utilizzate dagli utenti e ha bisogno di una svecchiata generale.

In questo caso i lavori da svolgere sono in continua evoluzione e discussione, pertanto utilizziamo una discussione di riferimento a cui ognuno può ovviamente partecipare per proporre idee, prenotare una pagina ad aggiornare, segnalare... Per contribuire, partecipa alla relativa discussione del forum e consulta la pagina wiki dedicata :)

Se non sai bene come comportarti o non hai mai scritto sul wiki, consulta le pagine Partecipa e FAQ: qui trovi raccolte tutte le informazioni per contribuire al Wiki.
Ti aspettiamo!

 


A cura del Gruppo Doc

il 07 April 2016 20.58

Da sempre l’essere umano soffre di varie malattie e tra le molte, volevo parlare proprio di una che affligge molte persone e se non curato costantemente, porta a numerosi problemi a lungo andare.
Parlo di diabete e, uno dei problemi principali di chi ne soffre, è dato dalla necessità di tenere traccia dei propri valori glicemici misurati durante la giornata: una sorta di diario che ci torna utile anche nel fornire informazioni al proprio medico curante.

Dato l’afflusso tecnologico di questi ultimi tempi, voglio citare Glucosio, un progetto che vuole aiutarvi in tutto ciò mettendovi a disposizione un’applicazione disponibile sui vari sistemi operativi quali Android, iPhone fino al raggiungimento di una web app (in costruzione).

Perché dovrei usare Glucosio?

Perché sei cool ed ecosostenibile! 🙂
Scherzi a parte. Sei stufo di voler scarabocchiare e riempire pagine su pagine? Ti sembra tutto monotono fare questa cosa vero?

Usa Glucosio allora! Potrai tenere traccia dei tuoi valori in qualsiasi momento, basta aprire l’app, digitare il valore e finito.. Facile no?
E vi dico la verità, con il sistema Android abbiamo l’integrazione al Google Now così che potete semplicemente dire il comando vocale, direte il valore e l’app registrerà tutto!

Ma poi, non c’è niente di meglio nel vedere anche un grafico riepilogativo molto carino 😀

Chi vedrà i miei dati?

Solo tu! Non vogliamo vendere dati privati né tanto meno pubblicarli online.. Tutti i tuoi dati saranno salvati sul tuo dispositivo e se vorrai potrai mantenerli salvati localmente sui vari dispositivi.
Ma la decisione è tua ovviamente 🙂

Perché parli al personale?

Parlo al personale perché io stesso faccio parte del progetto volontariamente in qualità di Web Developer e Lead Web Quality Assurance.. (Per sapere chi c’è nel team, vai QUI)
Non c’è niente di meglio far qualcosa di bello e utile per le persone bisognose.
Con questo progetto vogliamo sopperire al problema più grande che si poneva in primis per le persone diabetiche: un diario personale.

Mi piace il progetto, cosa posso fare per aiutarvi?

Nel progetto si può collaborare in due modi:

  • Sei diabetico e non hai competenze informatiche:
    Puoi aiutarci a pubblicizzare Glucosio prima di tutto e poi, puoi collaborare condividendo i tuoi dati (non sei obbligato eh) con i ricercatori di tutto il mondo che studiano il diabete. Puoi attivare questa opzione sulle impostazioni.
  • (Non) Sei diabetico e hai competenze informatiche:
    Tutto il codice è open source e puoi vedere il tutto su GITHUB.

Conclusioni

L’applicazione è e sarà completamente GRATUITA senza pubblicità dentro.
Ogni giorno vengono introdotte sempre nuove e grandi novità come ad esempio l’integrazione a terzi dispositivi che spesso avviene anche grazie alla sponsorizzazione.

Quasi dimenticavo, siamo tra le “TOP 10 Open Source Rookie of the Year” nominati da Black Duck.

Se volete maggiori informazioni potete andare sul sito di Glucosio: http://www.glucosio.org/

Se volete scaricare l’app per Android, potete andare sul Play Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.glucosio.android&hl=it

L'articolo Glucosio: Gestisci il diabete facilmente sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 07 April 2016 10.26

30 March 2016

Da sempre, soprattutto negli ultimi tempi, si parla dell’importanza della sicurezza dei propri dati nel mondo dell’informatica. Possiamo parlare di home banking, email fraudolente, software che catturano ogni nostro singolo tasto inviato (keylogger), ma, in realtà, in questo articolo voglio focalizzarmi su quanto sia importante il controllo della sicurezza e come la legge di uno stato molto spesso porta alla violazione dei principi comuni.

STEAM: Sicurezza violata da un 16enne.

Ho voluto cominciare il discorso citando una situazione buffa che si è creata proprio nella giornata odierna (ndr, 30 marzo 2016): un ragazzo 16enne aveva scoperto una falla nei sistemi di STEAM, ma essendo stato ignorato per più di una volta, ha dato una vera e propria dimostrazione di tutto ciò pubblicando un gioco del tutto “innocuo”, gioco che ha bypassato tutti gli strumenti da usare per la revisione prima della pubblicazione.

Per chi non conoscesse chi sia STEAM, cito da Wikipedia:

Steam è una piattaforma sviluppata da Valve che si occupa di distribuzione digitale, di gestione dei diritti digitali, di modalità di gioco multi giocatore e di comunicazione.
Viene usata per gestire e distribuire una vasta gamma di giochi (alcuni esclusivi) e il loro relativo supporto. Tutte queste operazioni sono effettuate via Internet.”.

Magari state pensando: “Sarà un hackcckeerr111 aiut0h, ci ha rubati la carta di cred1t000hhh, STACCAH”.
No, non voglio parlare di questo che poi posso dire che per fortuna, questo ragazzo (Ruby Nealon) è stato così gentile a segnalarlo che se ne sarebbe potuto fare un uso davvero pericoloso.

Quello che mi turba è che sì, pensiamo a quanto sia importante la sicurezza di un certo dato ma, è sicuro anche l’algoritmo di tutto il sistema di controllo? Dov’è il controllo qualità? Dove sono i test automatici ad ogni deployment (ndt, messa in produzione, testing -> stable)? Perché parte dei sistemi avevano codice leggibile e non offuscati? Perché si ignorava la segnalazione del ragazzo (e non è nemmeno stato premiato!)?

Siete curiosi di quanto sia stato facile bypassare l’intero sistema? Leggete pure la fonte originale QUI.

Google: Richiesto lo sblocco di 9 cellulari Android in nome della legge

L’ACLU (American Civil Liberties Union) ha recentemente scoperto dei documenti pubblici della corte dove viene rivelato che il governo ha chiesto (costretto, a mio parere) a Google di aiutare l’agenzia federale FBI sbloccando 9 telefoni (bloccati).

Ora tutto ciò è stato facile in quanto per la maggior parte dei telefoni sono compatibili con uno strumento di Google che gli permette di fare le classiche operazioni di sblocco, reset, etc in remoto e quindi senza nemmeno avere il dispositivo sottomano.

Al momento vengono segnalati solamente casi relativi a indagini di malaffare, spaccio di droga, pedofilia, e così via.
Ma in questo caso, cosa succederebbe se si potesse bypassare il sistema di sicurezza e usare il tutto per scopi illeciti? O cosa se lo stato obbligasse Google ad entrare e raccogliere dati dai telefoni dei cittadini? (Fischietta, C1n4, no, non è un nome in codice). Una bella botta alla privacy oltre che alla sicurezza.Apple: Quando la legge impone di aprirti una falla nel tuo sistema di sicurezzaCredo che questo argomento molti di voi lo conoscono già… O forse no?
In ogni caso, l’FBI ha imposto ad Apple di dover creare una falla nel proprio sistema proprio per bypassare la sequenza PIN impostata sul telefono del terrorista. Tutto ciò per continuare ad indagare sulla strage di San Bernardino dove ci sono stati anche morti.Pesante è stato il botta e risposta tra Apple (in cui vede il sostegno di altre grandi aziende) ed FBI (in cui vede il sostegno del “nome della legge”), addirittura siamo arrivati a “Se non collabora, arrestiamo il CEO di Apple”.
Come avete capito già, Apple ha sempre negato di voler aiutare perché in caso si fosse scoperto un metodo per sbloccare i telefoni, si sarebbe potuto diffondere e sarebbe fallita in men che non si dica.. Avoja a trovarti l’uomo fidato per assegnargli questo grande compito..

In campo sono scese molte aziende e molti personaggi, ognuno a sostegno di una delle due parti, tra cui notiamo anche John McAfee (noto per l’antivirus) che sosteneva di poter aiutare gratuitamente l’FBI.. Ah quante parole al vento..

Ormai quando sembrava quasi tutto finito (e quindi impossibile poter scoprire il PIN perché dopo X tentativi, tutta la memoria interna sarebbe andata a farsi benedire) ecco che, l’FBI chiede la proroga del tempo di scadenza affermando di aver trovato la soluzione grazie ad una azienda Israeliana di sicurezza informatica.

Adesso è un bel problema, non trovi? Apple scopre che c’è una falla e non ha idea di quale sia..
Ma il vero problema non è questo, ma se venisse pubblicato la procedura effettuata per essere poi trascritta sul verbale. Magari è una falla non riparabile da software e tutti i telefoni Apple a farsi benedire oltre che alla totale scomparsa della privacy e soprattutto sicurezza.. Altro che Jailbreak..

Considerazioni finali

A dirla tutta non credo di dover scrivere questo paragrafo.. Mi limito solamente a chiedere a voi:

Vi siete mai posti il problema della sicurezza sui vostri dati? Pensate di essere davvero sicuri con gli strumenti che utilizzate? Cosa ne pensate di quanto accaduto?

O forse una conclusione c’è… “Niente è sicuro, nemmeno un computer spento”. 🙂

Alla prossima!

L'articolo Sicurezza informatica: obblighi in nome della legge sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 30 March 2016 17.54

25 March 2016


Di ieri la notizia della morte di Johan Cruyff, forse il più grande calciatore di tutti i tempi, il primo a vincere tre Palloni D'oro, sicuramente il più completo, e sicuramente l'unico che è riuscito a replicare da allenatore i successi del giocatore. Personalmente sono troppo giovane per ricordarlo da giocatore, i primi Mondiali che ricordo sono quelli del 1978 in Argentina, ai quali rifiutò di parteciparvi.

Delle mille storie che accompagnano Cruyff, ce n'è una che mi ha sempre fatto sorridere, che stranamente nessun giornale italiano (ancora) riporta. Johan Cruyff è stato un innovatore anche nel professionismo del calcio, tanto che aveva un suo contratto di sponsorizzazione personale con la Puma, azienda fondata da Rudolf Dassler, fratello-coltello di Adolf "Adi" Dassler, fondatore della Adidas. Ebbene, Adidas al tempo era anche sponsor e fornitore della Nazionale Olandese, di cui Cruyff era l'elemento migliore, nonché capitano. Ai Mondiali tedeschi del 1974, Cruyff - per onorare il contratto - si rifiutò di indossare i capi dello sponsor "nemico" - l'idea di giocare in mutande sembra fosse stata scartata quasi subito.

Dopo qualche momento di imbarazzo si trovò la soluzione: strappare una delle tre bande - simbolo da sempre di tutti i capi Adidas - da maglietta e calzoncini, facendo diventare la divisa numero 14 di Cruyff qualcosa di diverso, eppur uguale a quelle dei suoi compagni.
"In 1974 Cruyff introduced his personalised twin taped Dutch national team shirt. A unique individual marketing tool that certainly served the group."
La cosa piacque così tanto a Cruyff che fece della sua maglietta un suo personale marchio, nonostante le minacce degli avvocati di Adidas. Un giocatore unico, fin nei dettagli.
il 25 March 2016 12.07

15 March 2016

Ebbene sì, dopo il successo della prima edizione, anche quest’anno si è deciso di proporre la seconda edizione di “Password: Open Source 2016” in cui si vede la partecipazione di tutti coloro che sono interessati al mondo Linux ma soprattutto a tutto ciò che ruota attorno all’Open Source e l’Internet of Things.

L’evento avrà come location l’Università degli Studi dell’Aquila (Via Vetoio 1, Coppito, L’Aquila Ovest) il giorno sabato 24 settembre dalle ore 9.00 fino alla fine dei talk disponibili.

È stata aperta una call for paper per chi volesse passare a trovarci ed esporre i suoi argomenti 🙂 .

Se volete essere dei relatori, potete inserire le vostre informazioni qui =>> https://mirkopizii.typeform.com/to/hKqpl4

Presto verranno anche rivelati tutti i nomi delle grandi aziende che parteciperanno assieme a noi con fantastici gadget messi a disposizione per coloro che verranno.. Ovviamente l’ingresso sarà gratuito!!
Nota: Sei un’azienda e vorresti partecipare anche tu assieme a noi? Scrivimi sulla sezione “Contatti” e verrai contattato tempestivamente 🙂

Luogo: Università degli Studi dell’Aquila (Via Vetoio 1, Coppito, L’Aquila Ovest)
Giorno:
Sabato 24 Settembre 2016
Orario: 
Dalle ore 9.00 in poi
Aula: Da definire

Link Google Maps: https://goo.gl/maps/03sIH

Hashtag ufficiale: #AQPOS16

L'articolo CFP: “Password: Open Source 2016” sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 15 March 2016 17.42

12 March 2016

Vuoi cominciare a rendere la tua casa domotica e disponi di un router FRITZ!Box che supporta il protocollo DECT di AVM? Anche io e grazie a loro ho avuto modo di provare l’AVM FRITZ!DECT 200 con in accoppiata il FRITZ!BOX 7430.

Chi è AVM?

AVM produce una vasta gamma di dispositivi per la connettività a banda larga e infrastrutture per la rete domestica intelligente. Con la famiglia di prodotti FRITZ!,  AVM è un produttore leader in Germania e in Europa di dispositivi per la banda larga per linee ADSL, cablate, LTE, oltre che prodotti per la Smart Home per reti wireless LAN, DECT e Powerline. Il FRITZ!Box è il più noto marchio di router wireless in Germania.

Nel 2015, l’azienda contava 570 impiegati con un fatturato di 400 milioni di Euro.

Fondata a Berlino nel 1986, AVM da sempre è focalizzata sullo sviluppo in house di prodotti sicuri ed innovativi per la connettività a banda larga. FRITZ! oggi è sinonimo di Internet veloce, reti domestiche e infrastruttura per la telefonia mobile. Milioni di utenti soddisfatti e centinaia di riconoscimenti per i prodotti testimoniano il costante impegno di AVM nello sviluppo di prodotti FRITZ! di alta qualità e un’assistenza impeccabile al cliente.

Specifiche Tecniche

Comincia la parte più interessante, tenetevi forti!

  • Commuta automaticamente o manualmente l’alimentazione elettrica dei dispositivi collegati (fino a 2.300 watt)
  • Commutazione manuale con tasto dell’attuatore o tramite FRITZ!Fon; con PC, smartphone o tablet attraverso l’interfaccia utente del FRITZ!Box o MyFRITZ!App (localmente e via Internet)
  • Commutazione automatica: una sola volta, ogni giorno, durante la settimana (100 punti di commutazione liberi alla settimana), ritmicamente, casualmente, countdown, tramite funzione Astro a seconda del momento in cui tramonta o sorge il sole, oppure attraverso i calendari di Google, disattivazione nel caso di stand-by
  • Misura l’energia assorbita dai dispositivi collegati e la registra
  • Analisi del consumo energetico: potenza corrente in watt e tensione corrente in volt, possibile ogni ora, giorno, mese, anno, calcolata in kWh, € e emissioni di CO2
  • Sensore di temperatura integrato
  • Indicazione della potenza attuale e della temperatura, commutazione via FRITZ!Fon, interfaccia utente del FRITZ!Box o MyFRITZ!App
  • Funzione e-mail Push: tutte le informazioni, come consumo energetico e stato di alimentazione, vengono inviate via e-mail
  • Configurazione intuitiva nel browser tramite l’interfaccia utente del FRITZ!Box
  • Gestione tramite PC, notebook, smartphone o tablet, via Internet anche da fuori casa
  • Commutazione gestita da software nel passaggio zero
  • Portata: fino a 300 metri all’aperto e fino a 40 metri all’interno degli edifici
  • Integrazione nella rete domestica tramite DECT e codifica sicura di fabbrica
  • Si possono aggiungere nuove funzioni semplicemente tramite aggiornamento

Ovviamente per altri dettagli vi rimando al sito ufficiale:
http://it.avm.de/prodotti/fritzdect/fritzdect-200/dettagli/
http://it.avm.de/prodotti/fritzdect/fritzdect-200/dati-tecnici/

Installazione di AVM FRITZ!DECT 200

L’installazione del Fritz!DECT 200 è così semplice che ci si mette più tempo a dire che a fare. Ovviamente inutile ribadire che dentro la scatola ci sono anche le istruzioni italiane ed è alquanto impossibile sbagliare.

Fondamentalmente si tratta di collegare il dispositivo alla presa, attivare premendo DECT (per effettuare il riconoscimento), andare sul pannello del Fritz!Box e attivare/vedere se è stato riconosciuto. Tra collegare e andare sul pannello FRITZ!OS ci si impiegano 5 minuti per esagerare.. Provare per credere 🙂

Considerazioni finali

Non c’è molto da dire… La prima cosa che mi viene in mente è la semplicità di utilizzo e configurazione, proprio qualità AVM!
Vorrei farvi notare anche che potete configurare o vedere tutti i dati del vostro router e dispositivi DECT, tramite l’utilizzo sia del FRITZ!OS ma anche tramite gli smartphone in modo da poter controllare in remoto semplicemente usando la connessione internet.. Bello vero? :DCerto forse l’unica pecca è che per realizzare una sorta di sistema domotico dovete avere i prodotti della famiglia FRITZ! però, che dire.. E’ pur sempre qualcosa..

Comunque sia, complimentoni ad AVM per quest’altro fantastico prodotto e per permetterci di affacciarci sulla domotica, 5/5 🙂

Se volete acquistare AVM FRITZ!DECT 200 vi rimando a questo indirizzo AMAZON:

AVM FRITZ! DECT 200 Presa Elettrica Intelligente Internazionale, Frequenza DECT, Amperometro, Timer, Accensione e spegnimento da remoto tramite App, Software e Istruzioni in Italiano

L'articolo AVM FRITZ!DECT 200 – TEST [ITA] sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 12 March 2016 15.44

11 March 2016

Eccoci di nuovo qui ad effettuare test distogliendo per un attimo l’attenzione sui computer e dedicandosi ad un prodotto fondamentale per la connessione ad internet. Quest’oggi ci dedicheremo ad un router prodotto dall’azienda tedesca AVM.
Ovviamente ne approfitto di ringraziarli per la loro completa disponibilità sull’invio dei loro prodotti 🙂

Oggi analizzeremo il Fritz!Box 7430, un prodotto che garantisce maggiore potenza e velocità con in aggiunta le opzioni telefoniche che lo rendono il dispositivo ideale per la connettività e multimedialità casalinga e da piccolo ufficio. Una volta provato, sarà impossibile farne a meno!

Chi è AVM?

AVM è un’azienda produttrice di accessori per la connettività a banda larga e per la rete domestica intelligente grazie alla sua gamma di prodotti FRITZ! per DSL, cavo, LTE, tecnologia Wireless, DECT e Powerline. Inutile nascondere la leadership di AVM in Germania e in tutta l’Europa, azienda che è notevolmente riconosciuta grazie alla produzione di prodotti dedicati a ciò che noi chiamiamo “Smart Home” ma soprattutto in quanto sono prodotti altamente affidabili, stabili e garantiti dopo averli sottoposti a notevole stress.
Proprio per questo, nel 2013, AVM ha raggiunto la cifra di 450 collaboratori e un fatturato di all’incirca 300 milioni di euro.

Fondata nel 1986, l’azienda berlinese ha puntato fin dall’inizio su creazioni proprie per realizzare prodotti sicuri e innovativi destinati alla connettività a banda larga. FRITZ! è sinonimo di Internet veloce, casa collegata in rete ed eccezionale telefonia. I milioni di clienti soddisfatti e i centinaia di test vinti sono la risposta a tutto l’impegno messo nella creazione di prodotti FRITZ! di alta qualità e nell’assistenza di prima classe offerta ai clienti.

Particolarmente focalizzata sul mercato europeo ma presente in numerosi paesi del mondo attraverso i suoi partner, AVM commercializza in Italia le sue soluzioni per la connettività Internet, di rete e la telefonia attraverso la grande distribuzione, una solida rete di rivenditori autorizzati e installatori telefonici facenti capo a carrier nazionali, provider regionali o operatori VoIP.

I prodotti AVM vengono forniti con 5 anni di garanzia del produttore, sono supportati da un team per l’assistenza tecnica italiano e si giovano dei costanti update gratuiti del firmware, con cui AVM vi aggiunge regolarmente nuove funzioni.

Specifiche Tecniche

Tecnicamente parlando, scrivere tutte le informazioni che compongono il prodotto in questione mi porterebbe a fare un articolo lunghissimo per poi finire a ricopiare effettivamente ciò scrivono in quanto ciò che è presente sul loro sito è davvero così esaustivo (e in lingua italiana!) (1) (2).
Vi lascio comunque i riferimenti su dove potete leggere il tutto e non vi posso nascondere che rimarrete sbalorditi considerando che non vuol essere il classico router di turno ma si distingue bene dalla concorrenza.
(1) http://it.avm.de/prodotti/fritzbox/fritzbox-7430/dettagli/
(2) http://it.avm.de/prodotti/fritzbox/fritzbox-7430/dati-tecnici/

Installazione dell’AVM FRITZ!Box 7430

Installare questo router non chiede alcuna conoscenza particolare, lo può fare chiunque, dal professionista al neofita. Proprio per quest’ultimo, all’interno della scatola troverete le istruzioni di “Guida Rapida” in italiano dove spiega in maniera chiara e coincisa, quindi… Giudicate voi 🙂

Fondamentalmente si tratterà di attaccare i vari cavetti e, una volta fatto ciò, dovreste andare sull’indirizzo http://fritz.box/ e continuare l’installazione. Ovviamente ragazzi sto ripetendo ciò che c’è già scritto in italiano sulle vostre istruzioni e posso dire che del resto è tutto automatico.

Nota, se avete i DNS modificati, probabilmente non vi trova l’indirizzo precedentemente citato ma dovreste andare sull’indirizzo IP specificato sulla guida. Nel mio caso, pur avendo modificato pesantemente il tutto, l’indirizzo è stato rilevato ma per precauzione ho preferito dirlo in modo da evitare incomprensioni del tipo “Il mio computer non rileva quell’indirizzo, sicuramente non funziona il dispositivo”.

Considerazioni finali

Forse vi chiederete: “Ma come? Di già? Non ho mica visto qualche test eh, configurazioni, etc..”.

Lasciatemelo dire, se siete utenti inesperti, nel 99% Fritz!Box riuscirà a trovare le configurazioni del vostro provider e le setterà automaticamente cercando di trovare sempre la via migliore.
Se siete utenti esperti, il pannello è italiano, è di facile comprensione, sbizzarritevi 🙂

Stesso discorso per quanto riguarda i test, diciamo che è soggettiva la cosa perché può succedere che da una parte magari la situazione è medesima e dall’altra ci sono netti miglioramenti.. Io vi dico solo una cosa, questo è un signor router non servono parole, non servono fatti, fate l’acquisto ad occhi chiusi.

Parlo di signor router perché fa davvero tutto.. Sì, tranne il caffè però!
Scherzi a parte, adoro questo router perché è come un all-in-one, comprare un prodotto per avere caratteristiche sbalorditive ad un prezzo accettabile rispetto ad una concorrenza che propone il tutto a prezzo più elevato. Complimenti AVM!

Forse le uniche due cose dove rimango un po’ stranito se così si può dire, è l’assenza di un bottone RESET che sarebbero costati pochi centesimi. Difatti vi viene detto di collegare elettricamente il router in una zona di facile accesso e potreste ovviamente risolvere con una ciabatta.
EDIT: Strano ma vero, cercando su internet, AVM ha prontamente risposto alla mia domanda. Il bottone è assente perché l’azienda garantisce che i router, dovendo rimanere sempre accesi, vengono garantiti fino a 5 anni di STRESS CONTINUO.. Io mi fido, ottimo lavoro anche qui!La seconda cosa, la meno importante e spero sia stata solo una casualità, è il tempo esagerato che impiega il router a configurarsi durante la prima installazione.. Ripeto, spero solo sia stata una casualità in quanto mi ci ha messo un 10-15 minuti buoni ma essendo un prodotto poi sempre reattivo, credo ne valga la pena aspettare.

Cos’altro dire, di nuovo, signor router, ti permette di gestire qualsiasi cosa, soprattutto con il sistema DECT che riesce a gestire (tramite i suoi adattatori) anche le prese elettriche spegnendole, accendendole, vedendo quanto consuma e così via.. Abbiamo il supporto vectoring, quindi velocità massima anche a carico davvero elevato, supporto per fibra ottica, supporto per la telefonia, per fax, gestione segreteria telefonica (che ti permette anche di salvare l’audio dei messaggi e riceverli per email), supporto a pennette USB, stampanti USB, possibilità di avere la connettività tramite la pennetta di internet (che si usa magari quando usate un portatile in giro e usate la 4G del vostro operatore) e tante altre bellissime cose.

La cifra del Fritz!Box 7430 è quella che è ma vi posso assicurare che vale ogni singolo euro che spendete. Il rapporto qualità prezzo c’è alla grande!

Ancora una volta, davvero complimentoni AVM per questo fantastico prodotto! 5/5!

Vi rimando alla pagina Amazon per l’acquisto:

AVM FRITZ!Box 7430 VDSL Router Wi-Fi Collegamento ethernet LAN, Rosso/Bianco

L'articolo AVM FRITZ!Box 7430 – Test [ITA] sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 11 March 2016 22.02

10 March 2016

What you don’t know could be costing you money is not a phrase successful businesses choose to operate under. Comprehension of the past, awareness of the present, and calculating for the future are all the hallmarks of companies that stand the test of time. All in all, businesses big and small have obligation to themselves, their employees, shareholders, and so forth to do everything within their power to make the most money and spend the least without sacrificing on the tools necessary for success.

Getting a grip on all of the ins and outs of business boils down to a handful of core components. First and foremost, companies must stay current on technology. Failure to adapt to the ever-changing technological landscape is a recipe for disaster, in that lack of technology usually means a lack of information. Lack of information is a crippling situation for any enterprise regardless of market or market share.

Here are several other areas where lack of awareness will cost a company money and possibly their entire existence:

Taxes

Failure to properly pay taxes is one of the leading causes of corporate downfall in the States. In fact, if there’s to never fail to pay Uncle Sam the money he’s a flip side to that coin, which is to say businesses have a responsibility to reduce their tax burden as much as possible. Services such as ADP business tax credits and incentives enable companies big and small to reduce their quarterly tax payments. When it comes to paying too much.

Analytics

Understanding how your business is functioning in day-to-day, hour-by-hour, minute-by-minute increments is crucial to eliminating redundancies, improving efficiency, and rooting out wasted time and energy. This all adds up to saving money on overhead and expenses. Getting a scope on the big picture calls for business analytics. Breaking down the data and running it through tailored software leads to breakthroughs in effective restructuring. Hiring a third-party or building a new department to get the job done is not necessary thanks to the plethora of programs available on the market geared toward helping businesses make sense of their systems.

Observations

At the end of the day, the best way to get a sense of the true nature of things is to pay close attention to them in real time. Many managers and business leaders make mistakes by turning their attention ot less-than-vital aspects of operations. Meanwhile the core components on which success is based on are presumed to be functioning fluidly, but are instead buckling under the weight of mismanagement. Rather than spending the day tied up in Skype meetings courting new clientele, take a tour of the office and be open to answering questions. Offer helpful critique when needed but above all, pay close attention to the little things. Added up they equal the big picture, i.e. the apparatus of success or failure.

Businesses do not thrive on lack of information or avoidance of the truth. On the contrary, successful enterprise depends on accurate summation of knowledge. Refusing to spend the time and attention on the key manners through which lowered costs and higher earnings are gained will inevitably lead any company to the edge of defeat, and eventually over the cliff.

The post What You Don’t Know Could Be Costing You Money! appeared first on deshack.

il 10 March 2016 08.26

02 March 2016

Categoria: 

Documentazione Wiki di Ubuntu-it

È ormai cominciato il conto alla rovescia per il rilascio della nuova versione Ubuntu 16.04 LTS, atteso per il prossimo mese.
Nel frattempo continuano i lavori per mantenere aggiornata la documentazione.

Guide Wiki

Ecco un riassunto delle principali modifiche introdotte nella documentazione wiki:

 

  • Display Manager: guida alle impostazioni dei principali Display Manager disponibili per Ubuntu e derivate, come LightDM e Lxdm.

  • LXDE: sono state aggiornate diverse sotto-pagine del portale dedicato al leggero ambiente grafico preinstallato in Lubuntu, come quelle sulla personalizzazione, su LXDE Launcher e sull'orologio digitale.

  • MetaPacchetti: revisione completa della guida dedicata ai metapacchetti.

  • Opera: adesso l'ultima versione aggiornata del famoso browser è disponibile anche per Linux 32 bit! Per l'occasione è stata migliorata la guida esistente ed è stata aggiunta una guida dedicata alle vecchie versioni con motore Presto.

  • Installare Ubuntu: diversi miglioramenti per quella che è sicuramente la guida più importante! Con un occhio di riguardo agli utenti meno esperti, è stata migliorata la sezione dedicata agli accorgimenti per il dual boot con Windows e al partizionamento manuale.

  • FormatiProprietari/Dvd: aggiornata la guida alla riproduzione di ogni tipo di DVD con Ubuntu.

  • Liferea: aggiornata la guida sul lettore di notizie attraverso i feed RSS.

  • Dell Latitude D630: guida all'installazione di Ubuntu su questo portatile.

  • Dell Latitude E6420: guida all'installazione di Ubuntu su questo portatile.

  • Sony Vaio VGN-FE28H: guida all'installazione di Ubuntu su questo portatile.

Ubuntu 14.04.4 LTS

Il 18 Febbraio è stata rilasciata la nuova Point Release Ubuntu 14.04.4 LTS. Chi installerà questa nuova ISO avrà tutti i pacchetti aggiornati alle versioni più recenti, con in più il nuovo Hardware Enablement Stack Wily, comprendente il kernel Linux e lo stack Xorg di Ubuntu 15.10.
Abbiamo quindi aggiornato alcune pagine wiki:

 

  • MD5Sum Hash: aggiornate la Hash MD5 alla nuova Point Release.

  • TrustyTahrTorrent: aggiornati i link di download.

  • DownloadTorrent: aggiornati i link di download.

  • Point Release: aggiunte le informazioni per l'installazione del nuovo HWE stack in una Point Release precedente di Ubuntu 14.04.

 

Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato, in particolare daigo, iononsbalgiomai, leuci-giulio e a7n8x!
Potete inviare i vostri suggerimenti o eventuali segnalazioni attraverso l'apposita board del forum di Ubuntu-it.

 


A cura del Gruppo Doc
Volete contribuire al Wiki? Siete i benvenuti!

il 02 March 2016 09.59

23 February 2016

Nuovo Consiglio di ubuntu-it

Ubuntu-it Community Council

Categoria: 

La comunità di ubuntu-it è lieta di annunciare i membri del nuovo Consiglio:

 

 

Quest'anno ci sono state difficoltà nelle elezioni dei nuovi consiglieri. Il regolamento del consiglio prevede l'elezione di cinque nuovi consiglieri tra i membri candidati, ma alla scadenza dello scorso mandato si erano presentati solo due candidati.

Dopo alcune discussioni sulla mailing list pubblica dei Gruppi della comunità (link) e due riunioni IRC (link), si è giunti alla decisione di eleggere i due candidati (che nel frattempo erano diventati tre) per un periodo limitato di un anno.

Durante questo periodo si varerà un nuovo regolamento, più adatto allo stato attuale dalla comunità.

É stato rilevato che il ruolo del Consiglio nella comunità di ubuntu-it deve essere meglio definito quindi, tra le priorià del nuovo Consiglio, c'è quello di migliorare la trasparenza, producendo resoconti mensili sulle attività.

Altro punto caldo è la questione della membership: ci sono state diverse richieste di miglioramento di questo titolo, che alcuni ritengono troppo difficile da raggiungere e ottenere.

 

Il nuovo Consiglio ringrazia i consiglieri uscenti, per il loro impegno per le attività della Comunità.

il 23 February 2016 16.57

10 February 2016

Il 10 febbraio 2016, a Berlino, The Document Foundation annuncia LibreOffice 5.1, l’unica suite libera per ufficio in grado di tenere testa a tutti gli altri software di produttività per ufficio, eLeggi ancora...
il 10 February 2016 18.26

08 February 2016

Guide wiki di Gennaio

Ubuntu-it Gruppo Doc

Categoria: 

Documentazione wiki di Ubuntu-it

 

Anche con il nuovo anno continuano senza tregua i lavori per aggiornare la documentazione della comunità italiana di Ubuntu. Nuove guide sono state scritte e tante altre pagine sono state aggiornate. Ecco le principali novità di Gennaio 2016:

  • Tor: guida per navigare anonimamente attraverso la rete Tor.

  • Adsl Pppoe: guida alla configurazione delle connessioni ADSL con protocollo PPPoE su vecchi modem.

  • Acer Extensa 5635Z: guida all'installazione di Ubuntu su questo portatile.

  • Configurazione di Firefox: come configurare al meglio il famoso web browser di Mozilla.

  • Accelerazione hardware su Firefox: come utilizzare Firefox sfruttando la GPU, guadagnando in prestazioni e risparmiando memoria RAM.

  • Menu Ubuntu-it: un add-on di Firefox per avere collegamenti rapidi ai principali siti che riguardano Ubuntu.

  • Wine: guida per utilizzare i programmi di Windows su Ubuntu.

  • Pantheon: come installare l'ambiente grafico di elementary OS, che tanto interesse sta destando ultimamente.

  • Installare programmi senza connessione: come installare programmi in PC senza accesso alla rete Internet.

 

Per maggiori informazioni, consultare la pagina Lavoro svolto.
Ricordiamo inoltre che è sempre possibile inviare suggerimenti e segnalazioni attraverso l'apposita board del forum di Ubuntu-it.

 


A cura del Gruppo Doc
Volete contribuire al Wiki? Siete i benvenuti!

il 08 February 2016 12.17

04 February 2016

E mezzo secolo è passato, Grazie

Paolo Garbin (paolettopn)

Sono diversi gli amici che devo ringraziare per avermi dato una mano ad arrivare a ciò che sono oggi. Da solo non sarei riuscito a raggiungere alcuni dei miei traguardi, soprattutto nella parte che riguarda la scienza, l'informatica e l'interazione con le persone che mi circondano.
il 04 February 2016 18.20

31 January 2016

Well yes, not only reviews and tests only for products like computer but today we are also on car industry testing the new Opel Astra Elective which supports Android Auto.

First of all, before I start, I want to thanks my friend Davide, who works in Opel workshop, for all of his patience and availability gave to me. Really thanks because he lets me to write this review.
Of course, I tested this all with him smartphone (OnePlus Two) and mine (Nexus 5). Screenshots made by him 🙂

Details about new Opel Astra Elective

Unfortunately in this first “episode” I will focus on use of Android Auto but, if you want to see more (explained) car’s details, you can go to Opel website: http://www.opel.com/

What is Android Auto?

I don’t know how to say.. Android Auto is all and nothing…

What I want to say, informally, is that Android Auto is what we see on our car’s display..
It seems a common operative system where, by default, there are different separate applications installed where you may have to update them for fixing bugs and you may need to go to your trusted mechanical.

No, you have not to do all these things I wrote. It’s only a sort of “Screen Mirroring” or better, you see in your car’s display, what you should see on your smartphone’s screen. You may ask “what about apps?”.
No problem with apps, they are directly to your smartphone! It sounds strange, no?

So ok, you might not understand what I’m saying and of course, what you can do with Android Auto.
To give an example, you can think about using modern technology system (including functionalities of your smarphone) into every car that have Android Auto receiver.
After installing official application via Play Store, you will be able to open, through display, apps which gives support such as Spotify, WhatsApp, standard functionalities like messages, calls, Google Maps, Google Play Music and many more.
Of course to go on, you should connect your smartphone to your car using the USB cables.

Exploring Android Auto

If we remove the automatic access to Android Auto when we connect the phone, or we exit from this mode without disconnect it from USB, the “Trasmission” icon will be the one of Android Auto.

1_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


After connection, you can see a short and fast tutorial which explain you how to use Android Auto.
Of course if you haven’t install “Android Auto” application, you will be required to do it through Play Store.

This is the first thing that appear after the connection is this:

2_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


Here is the small tutorial where the app explain the first steps.. In this screen, Android Auto say that we can press button (available on steering wheel) to active vocal commands (and here we will use Google Now functionalities).

3_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


We don’t like the button or it does not work anymore because we broke it? No problem, we could use the vocal commands by pressing microphone icon on the top right.

4_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


And here, the app shows us menu’ which have the role of launcher. It lets us to access to various applications like navigator, phone, music, etc.
About navigator, by default, it’s used Google Maps, Google Play Music for our music and the default app we have for everything we want.

Of course we can use different messaging apps like WhatsApp, Telegram and so on but only if they are compatible with Android Auto. (They will be more soon).

5_Android_auto_opelastra6_Android_auto_opelastra

(Click image to enlarge)


When all it’s loaded (and accepted warnings), we will be in front of first screen which is what we see into Google Now and so, what we see on our phone, we will see into car’s display..

In my case, I see that I can start navigator to drive to Modena or I can choose the last address that I’ve inserted into Google Maps. Other informations displayed are traffic, and how much the trip would take, in terms of time.

7_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


We don’t like Google Play Music or we don’t have internet connection? No problem we can use the default radio Opel system. Here’s how it will be.
Note, we can also see the weather forecast.. It’s surely the Google Now!

8_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


Touching the “Phone” icon, we can see our address book. If we want, we can also digit phone number and start calling.
Naturally, we can use vocal commands when available by press on button on steering wheel or display.

9_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


Starting navigation, as said, we have 3D view of Google Maps and also here, we can insert address by talking (through vocal commands) or write it with touchscreen.

10_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


We was talking about choose different application instead of default..
When we press button on menu, if more apps are available for the selection, before the default we will be asked to select which one we want to use.
For example, pressing music icon, we will be asked if open Google Play Music or Spotify.

11_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


Yeah, Spotify is available (and we can see it through selections) and we choose it!
What say, we have convergence with different devices, in fact, using and installing only one application, we can have compatibility for phone and Android Auto.
Spotify of course it’s really similar to what appears on our phone.

12_Android_auto_opelastra13_Android_auto_opelastra

(Click image to enlarge)


Also WhatsApp it’s available with Android Auto and you can notice how the small notification appears when we receive message.
Touching the notification (on display), the system will read us the message via TTS (Text-To-Speech) and we can obviously reply thanks to the vocal system.

Anyway, we can also send a message saying “Send Message” followed with the name of contact.

14_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


You received message and you have to reply without press keys on touchscreen? If available, we can answer with a fast standard reply like “I’m driving, sorry!” as WhatsApp do.

15_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


You don’t like or don’t want to use Android Auto anymore? You’re free to exit (also with smartphone connected).

16_Android_auto_opelastra(Click image to enlarge)


Conclusions

What I can say, in my honest opinion it’s really curious and nice.. Maybe if the maps of Google Maps would be more updated like “Tom Tom”, it would be really something perfect.
After all, also the possibility of developing own applications for Android Auto or using existing one for music, messages, and so on.. It’s something really nice.

About me, I like it and it deverves all the best. Really congratulations to Google!

Of course, if you’re instered into developing apps, having more details or see who supports Android Auto, you can visit this website: https://www.android.com/intl/en/auto/.

Note: if you found something incorrect about what I said or about my not best english, write into comments please.. Thank you!

L'articolo Test Android Auto – New Opel Astra [ENG] sembra essere il primo su Mirko Pizii | Grab The Penguin.

il 31 January 2016 16.18

28 January 2016

Perhaps the greatest challenge in today’s business world is remaining current on technology. As businesses undertake new activities, they usually implement timely systems and processes. But many of them don’t follow as their field advances, and that comes to their detriment. We’ve all seen companies who quickly set up flashy web sites, only to fail to update their content or framework. You’re usually better off with no web site than an outdated one.

Why Companies Fall Behind on Technology

There are many reasons why these companies let themselves fall behind. One of the most common to be found in older businesses is the perception that they will undermine their reputation. They want to maintain the image that their customers old, of a skilled craftsman laboring meticulously over the product. They prefer not to think of automation or any form of unnatural work being done, so they shun many forms of technology.

Hand Labor

So what’s the way around this? It’s a mental block. Some of the quaintest businesses in the world operate high-end technology behind the scenes. It’s the only way to sustain themselves with the more expensive production methods. You can continue to do hand-made, naturally harvested, or small-batch brewed as long as you save some money by doing electronic payroll, online marketing, and so forth. And bear in mind that the low-tech methods you perpetuate were once considered high-tech. You may be doing it the way your grandfather did it, but he probably wasn’t duplicating what his own grandfather did.

The second reason is the simple cost. They understand that the high wages paid to IT personnel in particular can be a major barricade to implementing new techniques. If they utilize automated records, production, marketing, or other techniques, they need personnel to maintain and operate them, and narrow profit margins won’t support that type of work force upgrade.

Costs

This is a legitimate problem, and was more so in the earlier years of widespread computerization. Fortunately, companies no longer have to keep these skilled personnel on staff full-time. Some are utilizing part-time workers from nearby colleges. Kelly Services staffing can provide a more reliable flow of qualified staff. Still others share with corporate partners. Whatever path they choose, they’re getting the skilled people into the organization and keeping pace with technology.

But perhaps the most persistent and problematic roadblock to implementing new technology is fear. Again, this is a bigger issue in older companies that had a high comfort level and a familiar routine when things were done with lower levels of technology. And it is a quantum leap to trust the Cloud with critical data, or to be confident that customers’ personal information will be secure without being physically locked up.

Conclusion

The good news is that these late arrivals probably are better off than the early adopters. That’s because the vulnerabilities of these systems shine throughout quickly, and those who come to the party a few years later will find most security holes have already been patched. So they can take a lot of comfort in knowing that the kinks have been worked out.

Ultimately, though, it’s a dollars and cents move. You can rest assured that if your firm is not pushing the envelope on technology, your competitors are. If you don’t get on board, you won’t have to be convinced to upgrade. The market will weed you out.

There’s no reason to let the advance of technology be the reason you fail. Make it an integral part of your business model and do everything you can to make you succeed instead.

The post Why Your Firm Needs to Stay Current on Technology appeared first on deshack.

il 28 January 2016 14.19
Ciao amici, ho deciso di condividere con voi un altro dei momenti importanti del mio cammino personale. Incredibile a dirsi, sono già passati tre anni, da quando nel lontano 21 novembre 2012,Read More...
il 28 January 2016 14.03

25 January 2016

Categoria: 

Ubuntu-it Wiki

Wiki, gruppo doc, guide revisionate, pagine di prova... in fin dei conti, cos'è questa documentazione wiki?
Chi la scrive e perché? Cosa trovo al suo interno? Si può solo leggere o anche correggere??

 

Ebbene, se l'avete mai consultata per risolvere dei problemi o avete voglia di dare occasionalmente una mano, ecco quello che dovete sapere.

A dicembre dell'anno scorso, il gruppo doc ha pubblicato le FAQ della documentazione wiki, un utile elenco di risposte alle domande che più spesso ci sentiamo porre dagli utenti che consultano il wiki.
Ci siamo infatti accorti che i nuovi arrivati, seppur volenterosi e desiderosi di imparare ad editare il wiki, spesso faticano a trovare le informazioni sull'aggiornamento e sulla creazione di una guida, o sulla semplice creazione di un account sul wiki.
Abbiamo quindi riunito le domande più comuni e le relative risposte nella pagina FAQ (Frequently Asked Questions).

 

Inoltre, per rendere queste informazioni facilmente accessibili, abbiamo aggiunto un link alla pagina FAQ nella barra superiore arancione del wiki. Così avrete sempre modo di consultarla, qualunque sia la pagina del wiki che state leggendo. Facile no?

FAQ

Non pensateci due volte. Se vi è sempre piaciuta l'idea di dare una mano ma vi sentivate sperduti tra i meandri del wiki, questa può essere l'occasione giusta per provare. Vi aspettiamo!

 


A cura del Gruppo Doc

il 25 January 2016 17.25

20 January 2016

Starting your own business can put you on the path to success and financial freedom. You become the master of your own destiny, and you work toward creating your own wealth rather than being at the whim of someone else. Your work enriches you – not someone else.

But starting your own business can also be very expensive. Not everyone can afford to just quit their jobs, rent an office space, hire a staff, and invest in a top-tier marketing campaign, among other expenses. Instead, most people start working for themselves at home, sometimes while they are still working on their full-time jobs.

Here are a few things you can do to save money while yo are getting your business started, whether you are working at it full-time or part-time or just working out of your home:

Choose the Most Affordable Service Providers

Depending on where you live, you likely have your choice in service providers. You don’t have to consign yourself to paying the prices you see on your bill for your electricity, Internet, or cable.

Shop around to fine out what providers are available in your area and what kind of rates they are currently offering. For example, you can check out Frontier Internet to get the best rates on your Internet service, which is one of the most important services you will need to run your business.

Buy the Best Computer You Can

While you will technically spend more money on a high-powered and sophisticated computer, it will actually save you money in the long run.

If you try to skimp on your computer purchase, you will end up with a machine that runs slowly, is more vulnerable to viruses, and crashes frequently. You will end up losing money on lost productivity, lost data, and lost contracts because of missed deadlines or customer dissatisfaction with your service.

Spring for the high-end computer that will help you get your work done more quickly and deliver better service for your clients. You’ll also keep your data safer and protect yourself against theft.

Invest in the Right Software

The right software can be like a service professional in your computer. For example, if you invest in professional tax software, you can reliably do your own taxes without hiring an accountant. Invest in payroll software, and you can work without a bookkeeper.

Other software will help you improve the efficiency of your operation. For example, the right invoicing software can help you put together accurate invoices in a timely manner ,ensuring that you don’t ever miss a payment.

Focus on the Most Effective Marketing Tools

The right marketing campaign is key to your success when you are just starting out with your business. The right marketing campaign will help your build brand awareness and reach your target audience.

However, once you get started, you will quickly realize that there are hundreds of marketing tools available. You can quickly spend a lot of money on these tools without necessarily getting any results. Instead of trying to market with as many of these tools as you can, focus on only the most effective tools as identified by your research.

You will want to invest in a quality email marketing service, social media manager, and advertising network to start. Depending on your business, you may identify a few other tools that are necessary to help you get started.

Whatever you can to save money while you are getting started with your business can help keep you afloat while you are still trying to get customers and sales. You can also set aside money to invest in growing your business, such as moving into a dedicated space or even starting to hire a staff.

The post Best Ways to Save While You are Starting Your Business appeared first on deshack.

il 20 January 2016 10.44

23 December 2015

Categoria: 

 

Novità e aggiornamenti di Novembre e Dicembre

Quello di Ottobre è stato un mese piuttosto intenso a causa dell'aggiornamento della documentazione per l'arrivo di Ubuntu 15.10 Wily Werewolf. Tuttavia la partecipazione della comunità non è mancata nemmeno nei due mesi successivi: grazie a tutti coloro che hanno contribuito, siamo riuscito a pubblicare e aggiornare altre numerose guide wiki.

Ecco una panoramica delle modifiche più importanti introdotte nella documentazione wiki:

  • Skype: installazione, configurazione e risoluzione problemi per questo noto software VoIP e di messaggistica istantanea.

  • Google Chrome: installazione e configurazione di questo web browser.

  • Broadcom su Mac Book: abilitare le schede wireless Broadcom in Ubuntu installato su Mac Book.

  • Ubuntu Mac Intel: installazione di Ubuntu su sistemi Mac Intel.

  • Samsung Linux driver: installare i driver ufficiali di stampanti e scanner Samsung.

  • Catalyst Sito AMD: installazione del driver fglrx (noto come AMD Catalyst) scaricato dal sito internet AMD.

  • Montare partizioni Ext4: montare manualmente in lettura e scrittura partizioni in formato Ext4.

  • Montare partizioni Fat: montare in lettura e scrittura partizioni in formato Fat.

  • Montare partizioni Ntfs: montare in lettura e scrittura partizioni in formato Ntfs.

  • Windows avvio rapido: disabilitare l'avvio rapido di Windows, per permettere ad altri sistemi in dual boot di poter accedere alla sua partizione.

  • FAQ: risposte alle domande più frequenti riguardanti la documentazione wiki, in questa pagine troverete le principali informazioni per migliorare la documentazione della comunità italiana di Ubuntu. Maggiori informazioni arriveranno in un futuro articolo ;)

 

Per ulteriori informazioni, potete consultare la pagina Lavoro svolto.

 

Statistiche spicciole: cos'è successo nel 2015 per la documentazione wiki

Ebbene, il 2015 sta per finire ed è giusto a questo punto "tirare le somme".
Partiamo subito da un fatto inconfutabile: il 2015 è stato per la documentazione wiki (e per il gruppo doc) un anno fenomenale. Il Contatore delle guide revisionate sfiora quota 100! A questa cifra per noi "stratosferica" vanno inoltre aggiunti:

  • piccole correzioni e modifiche che in lungo e il largo hanno interessato tutta la documentazione wiki, correzioni di errori e link errati, immagini aggiornate e chi più ne ha, più ne metta;
  • rimozione di numerose pagine di prova e contenuti datati e abbandonati a se stessi da tempi immemori oramai, un po' di pulizia ci ha aiutato sia ad organizzare meglio la documentazione, sia ad indirizzare meglio tutti voi ad aggiornare le guide;
  • lavoro svolto per il rilascio di Ubuntu 15.04 Vivid Vervet;

  • lavoro svolto per il termine di supporto di Ubuntu 14.10 Utopic Unicorn;

  • lavoro svolto per il rilascio di Ubuntu 15.10 Wily Werewolf;

  • riorganizzazione di alcune pagine riguardanti il gruppo doc (in ultimo la stessa pagina FAQ), che ci ha permesso sia di organizzare meglio i lavori, sia di aiutare voi tutti nell'editazione delle pagine wiki.

 

Tutto questo lavoro non sarebbe stato assolutamente possibile senza l'aiuto di tutti coloro che ci hanno aiutato, quindi un grazie di cuore a tutti voi (in ordine puramente casuale): jacopo-cicatiello, leuci-giulio (alias Giulio@Linux), perloalex (alias ale multimediale), gigibet (alias 21469), a7n8x, sbubba, CristianCozzolino, mikexu.lts, damni, tecnopado, DepaMarco, corti-nico, f-muriana, iononsbalgiomai, shouldes, davideddu, cialu, Bianco95, valeriot90, ilgallinetta, mauro-muzzi.

 

Sicuramente ci saremo dimenticati di qualcuno e chiediamo subito scusa, se hai collaborato e non trovi il tuo nome saremo felicissimi di aggiungerlo all'elenco, basta contattarci in mailing list ;)
Dunque un grazie calorosissimo a tutti voi che avete chi più chi meno contribuito a migliorare la documentazione della comunità italiana di Ubuntu. A risentirci l'anno prossimo!

 

 


A cura del Gruppo Doc
Volete contribuire al Wiki? Siete i benvenuti!

il 23 December 2015 14.08

09 December 2015

If you run a traditional business, you have your hands full with production, R&D, purchasing, marketing and selling, HR management, and accounting and finance.

As a small business owner ,you may not have an in-depth understanding of any of these fields or only have a good grasp of some of them, but at least you have passing understanding of them all. So if HR came to you and talked about a new labor law, with a sufficient explanation you could make a good decision.

However, to run a modern company, you need something else as well: you need to be tech savvy.

It is highly unlikely that if you run a business, you will not have an IT team. In fact, the bigger and more successful your business, the more important it is for you to assemble a good IT team together. While it might be possible to do things manually for a while, you will gradually fall behind competitors who have automated large sections of their business operations.

How do you assemble a good IT team if you’re not tech savvy?

The obvious solution, of course, is just to hire out the work. Unfortunately, since you’re not tech savvy, you are likely to spend too much on all the wrong things in assembling your IT team.

While you can always hire a consultant to do it for you, you won’t even be able to evaluate the quality of their advice. It’s hard to make cost effective decisions when you have no idea what’s really going on.

While you may hav eto go this route in teh beginning, it might be worth spending your evenings working to get your computer information science degree.

Don’t Run Your Business With Blindfolds On

Although, at first blush, it might seem like a huge undertaking to take a degree that will give you a good understanding of the world of technology, you will no longer be intimidated or baffled by technical problems. The fog of confusion would lift. You could sit through IT staff meetings without a blank look on your face when your techs quit speaking plain English.

Unlike other small business owners in your industry stumbling in the dark:

  • You would know why the technology works
  • You would know how the technology works
  • You would know which technology works

Instead of being a naïve business owner who gets taken for a ride by consultants and IT employees, you will be able to make informed decisions rather than running your business with blindfolds on.

Communicate With Your IT Team

If you have a computer science degree, you will get a broad understanding about the world of technology.

As a result, you could have intelligent and meaningful conversations with the following members of your IT team:

  1. You can talk to your software application developer about designing, modifying, or customizing computer applications software.
  2. You can talk to your computer systems analyst about analyzing, developing, and testing data processing problems to improve your computer systems.
  3. You can talk to your computer systems engineer about developing solutions and confirming the stability and security of your system architecture.
  4. You can talk to your network systems administrator about installing and supporting your network system, examining website functions, and performing data backups and sitting up a disaster recovery operation.
  5. You can talk to your database administrator about testing and administering, coordinating changes, correcting errors, and applying security measures to your computer databases.
  6. You can talk to your business intelligence analyst about analyzing market strategies, collecting and compiling data, and producing business intelligence reports.
  7. You can talk to your web developer about writing, designing, or editing web pages; identifying and correcting problems; and backing up website files for recovery.
  8. You can talk to your software systems developer about designing, developing, and testing various software; correcting errors in existing software; and analyzing data to plan for new system installations.
  9. You can talk to your software quality assurance (QA) tester about developing test plans, creating and maintaining a database, and reviewing software documentation.

Make Informed Decisions

When you consider that you are paying these team members high salaries, including some in the six figures, doesn’t make sense that you can speak to them in an intelligible way? Think about the power of building an IT Team that makes your company money.

Unless you have an antiquated business model, it’s highly unlikely that your business does not require a lot of technical support to run well. In fact ,as it grows ,so will your technical sophistication.

Generally speaking, in any organization, managers are knowledgeable about accounting and finance, marketing and sales, administration and human resources. Meanwhile IT staffs know about technological best practices, technical infrastructure, and the complexities of hardware or software. If both are operating in different worlds, you, as the business owner, have to be in a position to bridge the gap.

Avoid Expensive Business Blunders

Technology is too complicated for any one person to be familiar with all its many specialties, but the knowledge gap between a non-technical person and a technical person is an immense gulf. If the gap is too wide, a fundamental misunderstanding of a technical problem can cost your company a fortune.

The post Warning: What You Don’t Know About Tech Can Ruin Your Business appeared first on deshack.

il 09 December 2015 11.44

08 December 2015

Full Circle Magazine n.89

Abbiamo pubblicato il numero 89 della rivista Full Circle nel sito internazionale. Per il download del PDF fate clic sui link riportati in basso.

Dal sommario

  • Editoriale
  • News
  • Comanda e conquista: PDF-Page-Grep
  • How-to: Installare Oracle su Ubuntu 64-bit
  • How-to: LibreOffice parte 41 – Macro per copiare fogli
  • How-to: dcm4che
  • How-to: Gimp – Strumento clona prospettiva
  • How-to: Inkscape – Parte 29
  • How-to: Arduino
  • How-to: Scrivere per Full Circle Magazine
  • Linux Lab: Kodi/XBMC Parte 1 – Hardware
  • Linux Lab: Compilare un Kernel – Parte 2
  • Recensione: Driver AMD Catalyst 14.6 Beta
  • Lettere
  • La mia storia
  • Domande e Risposte
  • Giochi Ubuntu: The Witcher 2
  • Giochi Ubuntu: X-Plane 10
  • Il mio desktop
  • Come contribuire
  • Gruppo italiano

Link

Buona lettura! :)


il 08 December 2015 18.30

28 November 2015

Riunione della Comunità Italiana di Ubuntu

Ubuntu-it Community Council

Categoria: 

ubuntu-it, la comunità di volontari che cura il supporto italiano a Ubuntu, terrà una riunione pubblica mercoledì 9 dicembre alle 21:00 via IRC, canale

#ubuntu-it-meeting.

 

La decisione è stata presa dai membri della Comunità, dopo che il rinnovo del Consiglio della Comunità, non aveva raggiunto il numero minimo di candidati. La riunione sarà quindi un momento di confronto per discutere e votare le possibili soluzioni.

 

Tutti i membri di ubuntu-it sono invitati a partecipare.

il 28 November 2015 09.46